"
CoronavirusPrimo piano

Lotta al Covid: capienze aumentate e terza dose under 60

Sul fronte della battaglia contro la pandemia il ministro Speranza apre al richiamo dopo la seconda dose per chi ha meno di 60 anni

Con la giornata di oggi 11 ottobre aumentano le capienze nei luoghi della cultura e riaprono le discoteche. Ma si comincia a parlare anche di terza dose di vaccino per gli under 60. Da oggi, in ogni caso, teatri, stadi e cinema tornano a riempirsi al 100%. Il tutto perché entrano in vigore le nuove misure anti-Covid decise dal Consiglio dei ministri. Ripartono dunque anche discoteche e sale da ballo: l’asticella è fissata al 50% al chiuso e al 75% all’aperto. Le regole valgono in zona bianca e per l’accesso sarà obbligatorio il Green Pass.

Ipotesi terza dose a tutti?

Superato intanto l’obiettivo del Governo di vaccinare l’80% degli italiani con entrambi le dosi. Dal canto suo il ministro della Salute, Roberto Speranza, apre alla possibilità di una terza dose anche per i cittadini con meno di 60 anni. “Per ora la terza dose del vaccino va agli over 60 anni. Valuteremo se allargarla. Penso che sia possibile ma valuteremo in base all’esperienza, anche degli altri paesi“, ha dichiarato il ministro della Salute alla trasmissione Che tempo che fa, su Raitre.

Terza dose, a chi va adesso

In Italia il 20 settembre sono cominciate le somministrazioni della terza dose agli immunocompromessi, ai pazienti oncologici e a i trapiantati. Una nuova circolare del ministero della Salute ha avviato il booster per i sessantenni. “Alla luce delle ultime deliberazioni di Ema – spiega il ministero – via libera alla terza dose di vaccino per i fragili di ogni età e per tutti gli over 60, sempre dopo almeno sei mesi dal completamento del ciclo primario di vaccinazione“.

Ma 8,4 milioni sono senza vaccino

La decisione mentre sono ancora 8,4 milioni gli italiani che non hanno fatto neppure la prima dose del vaccino anti-Covid. Si tratta del 15,54% della popolazione vaccinabile. Restano nella fascia di età più critica quasi tre milioni di ultracinquantenni non immunizzati. Complessivamente nel nostro Paese i nuovi casi di infezione da Coronavirus sono in calo. Ieri sono stati 2.278, le vittime sono state 27. A oggi i vaccinati sono l’80% della popolazione sopra i 12 anni, pari a 43 milioni di italiani. Hanno ricevuto la terza dose 309mila persone, pari al 4% di chi al momento rientra nelle categorie indicate.

LEGGI ANCHE: Vaccino, terza dose a tutti gli over 60

Domenico Coviello

Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze, come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione Internet de “La Nazione”, “Il Giorno” e “Il Resto del Carlino”, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni, sempre su Internet, all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a “City”, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli – Corriere della Sera. Un passaggio alla “Gazzetta dello Sport” a Roma, e al desk del “Corriere Fiorentino”, il dorso toscano del “Corriere della Sera”, poi di nuovo su Internet per il sito di news “FirenzePost”. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma, e da qui l’approdo a “Velvet Mag”. Ha collaborato a “Vanity Fair”.
Back to top button
Privacy