"
Primo pianoTendenze Moda

Nuova vita per i magazzini “Printemps”: largo al vintage e al second hand

La moda sostenibile si conferma essere una tendenza sempre più diffusa

Moda sostenibile, riuso, nuova vita ai capi? Tutto ciò è sempre più una realtà nel mondo del fashion. E’ notizia recente che Printemps Haussmann si lancia nel vintage di lusso e in le beau responsable, un’etichetta sostenibile, con un’intera gamma dedicata all’economia circolare. I grandi magazzini di Parigi hanno restaurato uno spazio che collega la sua terrazza al settimo piano alla sua emblematica cupola di vetro, sostituendo gli uffici con un dipartimento vintage e di seconda mano. Un’area di 1.300 mq con vista panoramica su Parigi che permette a tutti gli appassionati di scovare abiti e oggetti eccezionali. Il progetto mira a sviluppare e a diffondere l’economia circolare. Il marchio le beau responsable garantisce il rispetto dell’impegno sociale e locale, la promozione del know-how e dell’innovazione, i prodotti usati e animali. Dopo cinquant’ anni di chiusura al pubblico, Printemps riapre le porte del suo top floor. Il grande magazzino parigino ha appena inaugurato il ‘Settimo Cielo’, l’ultimo rinnovato piano dell’edificio che ospiterà progetti di moda e lifestyle sostenibili.

Printemps ora vende vestiti usati a un prezzo più contenuto oltre a pop-up store per marchi impegnati

La location dalla sua vanta la possibilità di avere la splendida cupola di Charles Kaisin composta da 12.000 uccelli di metallo origami che riaccendono il tetto di vetro degli anni Trenta del Pont d’Argent a Printemps. Ad allietare il tutto c’è il corner dedicato ai brand che optano per un consumo più sostenibile. Il designer Jordane Saget offre un’ode infinita con una gigantesca struttura in legno che adorna il soffitto di questo luogo circolare. Presente, tra gli altri, il marchio Brut per un look casual chic, Bonâge per i bambini e Made In Design per l’arredamento della casa. Docteur Sneakers personalizza le scarpe da ginnastica o le riporta a nuova vita!

Una nuova vita ai propri capi con la possibilità di venderli

Se si possiedono dei pezzi vintage da vendere, il team di Printemps offre un prezzo entro 24 ore e può dare un buono dell’importo stimato da utilizzare nei negozi Printemps. Si può addirittura lasciare una nota per il prossimo proprietario, per dire loro da dove viene il pezzo. Una modalità di trasmissione di economia circolare finalizzata al rispetto dell’ambiente.

Ci sono voluti nove mesi per mettere a nudo la struttura e portare a termine i lavori. Tutto questo durante il Covid-19. Siamo molto orgogliosi di poter presentare il nuovo spazio, che nessuno vedeva così da decenni”, ha dichiarato Stéphane Roth, Responsabile Marketing e Comunicazione del department store. Nei 650 mq che compongono il Silver Bridge, tutto in travi metalliche e pareti è stato installato Second Printemps, dedicato a un’offerta di moda vintage, con un posizionamento di design e di lusso, che include pezzi iconici e senza tempo, come la borsa Kelly di Hermes o lo smoking di Saint Laurent.

Le Pont d’Argent, lo spazio più scenografico, offre una selezione di pezzi griffati

La maggior parte scovati dalla guru del settore, Marie Blanchet, esperta riconosciuta nel settore. “Sarà il più grande reparto consacrato alla circolarità“, afferma il direttore della catena Jean-Marc Bellaiche i nostri clienti potranno anche vendere i loro abiti e accessori ricevendo dei buoni da spendere in tutta la catena Printemps. Le vendite sono ripartite con grande dinamismo tra giugno e agosto sono aumentate del 30% rispetto al 2020 e dopotutto sono scese solo del 16% rispetto al 2019, quando i turisti americani e asiatici erano a Parigi.”

Ed ancora: “I clienti francesi sono cresciuti del 12% e l’e-commerce ha moltiplicato per tre il fatturato. L ’apertura dell’ e-shop in UK nel novembre scorso ha rappresentato un ulteriore balzo del 25% e anche la vendita a distanza è stata fondamentale per restare solidamente in piedi, con un incremento oscillante tra il 15 e il 25% secondo i periodi e, ancora adesso, rappresenta il 10% del fatturato ».

LEGGI ANCHE: “Christian Dior Designer of Dreams”: la mostra arriva a New York 

Elena Parmegiani

Moda & Style

Giornalista di moda e costume, organizzatrice di eventi e presentatrice. Consegue la Laurea Magistrale in Comunicazione Istituzionale e d’Impresa all’Università “La Sapienza” di Roma. Muove i primi passi lavorativi con gli eventi per il Ferrari Club Italia, associazione di possessori di vetture Ferrari. Da più di dieci anni è il Direttore Eventi della Coffee House del prestigioso museo Palazzo Colonna a Roma. Ha organizzato e condotto molte sfilate di moda per i più importanti stilisti italiani. Come consulente è specializzata nella realizzazione sia di eventi aziendali, sia privati. Scrive di moda, bon ton (con una sua rubrica), arte e spettacolo. Esperta conoscitrice dei grandi nomi della moda italiana, delle nuove tendenze del Fashion e del Made in Italy. Cura anche la rubrica di Velvet dedicata al Wedding.

Back to top button
Privacy