"
CinemaPrimo piano

Festa del Cinema di Roma, con “Anima bella” si racconta l’Italia rurale e l’amore incondizionato di una figlia

Ad Alice nella Città la pellicola di Dario Albertini è l'unico film italiano in concorso

Nella sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica Dario Albertini porta sul grande schermo la sua ultima fatica cinematografica dal titolo Anima bella. È la storia di una ragazza, Gioia, appena diciottenne, ma dal pensiero adulto perché messa al mondo in una realtà dalla semplicità complessa. Per quanto l’ambiente rurale sia una natura rustica, bonaria agli occhi di chi osserva, appare differente invece da chi ne conosce l’odore, la ruvidità del terreno. Gioia, fa un lavoro che ama ed è ben voluta da tutti. Ma la persona a lei più cara la costringerà a stravolgere la sua vita. Le stagioni della sua esistenza non compiranno un ciclo naturale, ma cadranno in sacrificio per l’amore che prova per suo padre“Il film è stato girato più di due anni fa ormai e poi è successo il disastro: il lockdown; spiega il regista romano che non ha atteso altro tempo nel montare il film con la sua troupe con il quale si è riunito.Sono molto felice, vi ringrazio per aver selezionato il film, soprattutto mostrandolo in prima assoluta mondiale.

Gli applausi che provengono anche dal ricco gruppo di studenti accolgono sul palco l’interprete che ha vestito i panni di Gioia in Anima bella. “La protagonista è una ragazza come voi, che non ha mai fatto cinema e che ho trovato dopo un lungo percorso di ricerca: Madalina Maria Jekal.

Anima bella, Albertini torna con un film sull’adolescenza

Il film girato in 35 mm si ispira a un documentario realizzato dallo stesso regista romano; un lavoro – spiega Albertini – a cui tiene tantissimo in quanto il primo della sua carriera: “Lì raccontavo la storia di un uomo che aveva problemi di dipendenza con il gioco d’azzardo e ne documentavo le sue vicende. Alla fine del film ero riuscito a intervistare la figlia, l’ho inserita in un breve montaggio e mi ero promesso di raccontare una storia simile dal punto di vista di chi subisce la dipendenza. La pellicola non parla appunto dell’uomo, ma è una storia d’amore”.

LEGGI ANCHE: “Takeaway”, l’ultimo dei film di Libero De Rienzo alla Festa del Cinema di Roma

Teresa Comberiati

Spettacolo, Tv & Cronaca Rosa

Calabrese, a vent’anni si trasferisce a Roma dove attualmente vive. Amante della fotografia quanto della scrittura, negli anni ha lavorato nel campo della comunicazione collaborando con diverse testate locali in qualità di fotografa e articolista durante la 71ª e 75ª Mostra Internazionale D’Arte Cinematografica. Ha già scritto il suo primo romanzo intitolato Il muscolo dell’anima. Colonna portante del blog di VelvetMAG dedicato alla cronaca rosa e alle celebrities www.velvetgossip.it, di cui redige ogni mese la Rassegna Gossip.

Back to top button
Privacy