"
CinemaPrimo piano

“Una película sobre parejas” finzione e realtà prendono atto nell’autofiction di Natalia Cabral e Oriol Estrada

Alla Festa del Cinema di Roma i registi dal dietro le quinte raggiungono l'obiettivo della macchina da presa. È il ciak della loro vita

Anche oggi le sale dell’Auditorium Parco della Musica si sono aperte al pubblico e alla critica per un ricco programma. Tra i film in proiezione il debutto in anteprima mondiale Una película sobre parejas; pellicola diretta da Natalia Cabral e Oriol Estrada. La vicenda racconta la storia di una coppia di registi  impegnati a realizzare un documentario sul rapporto tra uomo e donna e sulle loro relazioni. Ma ciò che predomina inaspettatamente è il conflitto individuale e di coppia tra i registi. Più i protagonisti cercano di trovare il disagio tra i loro soggetti, perché “il cinema è dolore”, è più si apriranno ferite della loro stessa relazione e le discussioni si sovrappongono ai dubbi.

Una película sobre parejas Red Carpet
Photo Credits: Teresa Comberiati

Una película sobre parejas, un film di finzione ispirato alla vita reale

La narrazione ‘purista’, in quanto prettamente legata alla realtà, vede fondersi la commedia con la vita quotidiana di chi sta dirigendo la macchina da presa. I registi della pellicola in concorso, non sono altro che i protagonisti della loro ultima fatica cinematografica. Natalia Cabral e Oriol Estrada hanno portato sul grande schermo in prima visione assoluta uno spaccato della loro quotidianità; un frame che non ci porta lontani dalla vita di tutti i giorni.

In Una película sobre parejas si tolgono parti di una corazza che inizialmente appare come scudo di difesa contro le critiche in sala dopo la prima proiezione del loro film e non solo. La condizione femminile di una madre che vorrebbe realizzarsi professionalmente ed individualmente senza sentire l’ombra del compagno pesare sulla sua identità da professionista è un profilo che predomina nella parte centrale dell’autofiction. Le sequenze di immagini si articolano in inquadrature fisse; i personaggi entrano ed escono dal mirino lasciando in sospeso la continuità di un’azione. Il punto di rottura genera un inizio che rivela un modo differente di modellare il proprio amore e la passione per il cinema nell’ultimo atto del loro documentario.

LEGGI ANCHE: Festa del Cinema di Roma, con Marco Bellocchio il caso Moro diventa una serie

Teresa Comberiati

Spettacolo, Tv & Cronaca Rosa

Calabrese, a vent’anni si trasferisce a Roma dove attualmente vive. Amante della fotografia quanto della scrittura, negli anni ha lavorato nel campo della comunicazione collaborando con diverse testate locali in qualità di fotografa e articolista durante la 71ª e 75ª Mostra Internazionale D’Arte Cinematografica. Ha già scritto il suo primo romanzo intitolato Il muscolo dell’anima. Colonna portante del blog di VelvetMAG dedicato alla cronaca rosa e alle celebrities www.velvetgossip.it, di cui redige ogni mese la Rassegna Gossip.

Back to top button
Privacy