"
Primo pianoSport

Tennis, A Vienna passano Berrettini, Sinner e Sonego

Matteo già certo delle Finals: primo italiano di sempre a giocarle due volte. Jannik ci spera sempre di più

Matteo Berrettini vola ai quarti del torneo Atp 500 di Vienna battendo Basilashvili nel giorno in cui ha la certezza di essere il primo italiano della storia a giocare per due anni consecutivi il Torneo dei Maestri che chiude la stagione del tennis: “Le parole non possono descrivere la felicità che sto provando in queste ore, essermi qualificato per la seconda volta per un evento così importante mi rende molto fiero e il fatto che si terrà in Italia rende tutto ancora più speciale. É sempre un grandissimo onore giocare davanti ai miei tifosi italiani, spero di rendervi orgogliosi. Ci vediamo a novembre Torino!”. Si è affidato ad un post con tanto di tricolore chiuso dall’emoticon del martello, il suo soprannome: “The Hammer“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Matteo Berrettini (@matberrettini)

E quello è lo “strumento” nell’ultimo match di giornata a Vienna che ha fatto la differenza: 22 ace su 34 vincenti. Il suo colpo:  quello che sfoggia nei momenti di difficoltà sempre con coraggio e determinazione. Ora c’è il baby talento spagnolo – quel Carlos Alcaraz – capace di eliminare sir Andy Murray. Il tennista romano è testa di serie n.3 dopo Tsitsipas e Zverev. Per Matteo si tratta di mettere partite e buone sensazioni nella testa, nelle gambe e sulla racchetta in vista Bercy prima e Torino poi, tra Finals e Davis.

Non solo Berrettini: la rincorsa di Jannik Sinner

Nel pomeriggio viennese Jannik Sinner ha letteralmente spazzato via il gigante americano Opelka in due set (6-4 6-2) accedendo agli ottavi di finale in cui l’unica difficoltà potrebbe essere il fattore campo contro proprio l’austriaco Novak. L’altoatesino ha di fatto riscavalcato Norrie nella Race to Turin e da n. 11 del mondo ci crede. Ora la sorte, se non ci pensa prima un altro italiano (Sonego n.d.r.), dovrebbe servirgli in campo appunto quel Casper Ruud che è avanti rispetto a lui di una manciata di punti, nonostante la vittoria della scorsa settimana da Anversa.

Intanto Sonego con meno clamore…

Lorenzo Sonego è il terzo italiano ad essere approdato agli ottavi – Fognini e Musetti sono usciti di scena oggi – sconfiggendo con un netto 6-4 6-3 il lucky loser tedesco Koepfer. Ora come detto c’è il norvegese Ruud, testa di serie n.4 qui a Vienna, nel tentativo di eguagliare la cavalcata, e chissà anche la finale dello scorso anno.

Ettore Mastai

Redazione interna - Esteri, Economia, Arte, Sport

Giornalista professionista specializzato in politica estera ed economia. Si è laureato con lode nel 2007 con una tesi sulla rivoluzione Khomeinista. Negli anni dell'università ha coltivato la sua passione per la scrittura sportiva e per i temi del gambling. Per l'agenzia di stampa nazionale AGV News-Il Velino ha curato la sezione di Giochi e Scommesse e di Ippica e dintorni. Spesso si è occupato anche di politica nazionale in relazione ai suoi campi di azione giornalistica.

Back to top button
Privacy