Arte e CulturaPrimo piano

Brunello Cucinelli aprirà una Biblioteca Universale a Solomeo

Il Re del Cashmere ospiterà nella sua villa settecentesca 500 mila libri

“Fondare biblioteche è come costruire ancora granai pubblici.” Così ragionava l’imperatore Adriano sull’importanza dei libri e delle biblioteche pubbliche per lo sviluppo culturale e sociale di tutti i popoli. Nel 2008, ispirandosi agli antichi ideali di conservazione e diffusione della conoscenza, la Fondazione Brunello e Federica Cucinelli ha dato vita alla Biblioteca di Solomeo. Nacque lì quell’amore per il sapere che oggi ha portato il Re del Cashmere ad annunciare un nuovo progetto per la sua Solomeo: una biblioteca universale. Questa prende vita sul modello di quella famosa di Alessandria ed andrà a fare buona compagnia al teatro, al bosco della spiritualità. Ma anche al monumento alla dignità dell’uomo che sorgono nel borgo umbro da lui restaurato. Il progetto ambizioso dell’imprenditore umbro, concepito durante la pandemia, è stato annunciato al Piccolo Teatro Strehler di Milano.

Brunello Cucinelli e la sua Biblioteca ispirata alla Grande Biblioteca di Alessandria

Adriano Imperatore dice che i libri gli hanno indicato la via della vita e che “fondare Biblioteche è come costruire granai pubblici”- ha dichiarato Brunello Cucinelli-” Ispirandomi a questo genio e ammirando l’idea del grande Tolomeo I di creare la Grande Biblioteca di Alessandria, ho immaginato di fondare una biblioteca pubblica, una sorta di tempio laico della cultura ove sia possibile dialogare con i più grandi spiriti della storia, a partire dai classici, amabili compagni della più profonda crescita morale e culturale dell’essere umano”.

La villa settecentesca del borgo di Solomeo, in Umbria, ospiterà nei suoi 2000 metri quadri una biblioteca universale da 500mila libri. Del progetto della biblioteca, che aprirà nel 2024, il re del cashmere ha già parlato con il premier Mario Draghi. “Mi ha detto ‘che bella idea che ha avuto”- afferma l’imprenditoreE allora io gli ho chiesto – ha raccontato Cucinelli – di venire a inaugurarla e lui mi ha risposto ‘vengo vengo’”.

500 mila volumi di filosofia, architettura, letteratura

Lo scopo dell’ambizioso progetto è raccogliere un’ingente quantità di pubblicazioni provenienti da ogni parte del mondo. Volumi che riguardano specifiche discipline, quali: la filosofia, l’architettura, la letteratura e l’artigianato. “Mi piacerebbe che i libri si prendano direttamente dagli scaffali, con il profumo del legno e della carta, con i lumi a luce verde, e si possano leggere al tavolo, ma anche su comode poltrone, accanto ad una finestra al di là della quale, volgendo gli occhi, si ammira l’incantevole paesaggio umbro”, ha dichiarato Brunello Cucinelli, imprenditore visionario che, grazie alle sue preziose collezioni moda, porta in alto il Made in Italy nel mondo.

Brunello Cucinelli, una biblioteca inclusiva e fruibile anche agli stranieri

La Biblioteca Universale di Brunello Cucinelli vuole essere un monumento della cultura pensato per essere fruito da tutti, senza barriere, che si occuperà anche della traduzione in italiano dei testi stranieri. Si partirà con una prima tranche di trentamila libri, tutti acquistati e non donati, frutto di una selezione molto precisa, per arrivare a riempire nei decenni tutti gli scaffali disponibili. Attualmente la biblioteca Cucinelli è ospitata all’interno dell’Accademia Neoumanistica Aureliana, un edificio di stampo neoclassico che fa parte del Foro delle Arti di Solomeo. La struttura si affaccia sul Teatro Cucinelli e sull’armonioso spazio ovale che costituisce l’Anfiteatro. Come gli altri luoghi che fanno parte del Foro, anche la Biblioteca costituisce uno spazio aperto a tutti. Il luogo è dedicato al dialogo e alla promozione della cultura nelle sue variegate espressioni.

I volumi presenti nella Biblioteca di Brunello Cucinelli che animano quel sogno di umanesimo

Incontri dedicati all’approfondimento di tematiche filosofiche, storiche. Ma anche letterarie ed artistiche animano le stanze della Biblioteca. Qui è conservata una ricca selezione di volumi classici e moderni su arte, letteratura, storia, spiritualità e filosofia. Ampia è anche la dotazione di classici in lingue straniere. Tra le altre sono comprese quelle meno scontate come la mongola, l’ebraica, la giapponese e l’indiana.

 

LEGGI ANCHE: “Hand in Hand”: l’artigianalità italiana celebrata da Fendi 

Elena Parmegiani

Moda & Style

Giornalista di moda e costume, organizzatrice di eventi e presentatrice. Consegue la Laurea Magistrale in Comunicazione Istituzionale e d’Impresa all’Università “La Sapienza” di Roma. Muove i primi passi lavorativi con gli eventi per il Ferrari Club Italia, associazione di possessori di vetture Ferrari. Da più di dieci anni è il Direttore Eventi della Coffee House del prestigioso museo Palazzo Colonna a Roma. Ha organizzato e condotto molte sfilate di moda per i più importanti stilisti italiani. Come consulente è specializzata nella realizzazione sia di eventi aziendali, sia privati. Scrive di moda, bon ton (con una sua rubrica), arte e spettacolo. Esperta conoscitrice dei grandi nomi della moda italiana, delle nuove tendenze del Fashion e del Made in Italy. Cura anche la rubrica di Velvet dedicata al Wedding.

Back to top button
Privacy