"
MondoNewsPrimo piano

Australia, schiaffo alla Cop26: “Venderemo carbone ancora per decenni”

Insieme a Cina, India e Stati Uniti, Canberra è lo Stato che non ha firmato la dichiarazione sulla transizione alle energie pulite

Dopo aver rifiutato di firmare l’impegno a eliminare l’uso del carbone, l’Australia rincara la dose. E arriva a sostenere che continuerà a vendere carbone “per decenni nel futuro“. Canberra è tra i grandi paesi del mondo che non hanno firmato l’accordo sottoscritto invece da 40 Stati durante la conferenza sul clima dell’Onu, la Cop26, in corso a Glasgow, in Scozia.

Australia: “Il nostro carbone è al top

Anche Cina, India e Stati Uniti, grandi consumatori di carbone, non si sono uniti ai 40 partner internazionali. “Abbiamo detto molto chiaramente che non chiuderemo le miniere di carbone e non chiuderemo le centrali a carbone“, ha detto il ministro australiano delle risorse Keith Pitt all’emittente ABC. Dopo aver difeso la qualità del prodotto australiano “fra le più alte del mondo“, Pitt ha aggiunto che per questo “continueremo ad avere mercati per decenni nel futuro. E se loro stanno comprando… beh, noi stiamo vendendo“.

“Fino al 2030 aumento della domanda”

Secondo l’esponente del governo australiano, la domanda di carbone dovrebbe aumentare fino al 2030. “Se non saremo noi a vincere quel mercato, lo farà qualcun altro“, ha aggiunto Pitt. Meglio, quindi, che sul mercato ci sia “un prodotto australiano di alta qualità, che fornisce posti di lavoro australiani e costruisce l’economia dell’Australia. Piuttosto che quello che proviene dall’Indonesia o dalla Russia o da altri paesi“.

Carbone, la dichiarazione di Glasgow

Una logica, quella di Canberra, che appare brutalmente economicista, senza alcun riferimento allo stato di salute del pianeta e dell’Australia stessa. Oltre all’Italia, anche Polonia, Cile, Canada, Vietnam e Ucraina sono tra gli Stati che hanno approvato la dichiarazione sulla transizione dal carbone alle energie pulite promossa dal Regno Unito. Ci sono anche oltre 100 istituzioni finanziarie e altre organizzazioni internazionali impegnate in questo senso. L’obiettivo è di mettere fine a tutti gli investimenti che contemplano l’apertura di nuovi impianti a carbone per la produzione di energia. L’uscita graduale dal carbone è prevista per l’industria dei paesi firmatari entro il decennio del 2030. Entro il decennio del 2040 per il resto del mondo.

LEGGI ANCHE: Cop26, finanziamenti dalla Banca Mondiale e 100.000 persone alla marcia sul clima

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy