"
Primo pianoTecnologiaTV

Crimini informatici: le piattaforme streaming e le serie tv sono le più sfruttate in Italia

Lo rivela un anno e mezzo di analisi dei prodotti Kaspersky nel mondo con 2.000 tentativi di infezione nel nostro Paese

Le piattaforme streaming e le serie tv sono il veicolo preferito per compiere crimini informatici. Lo ha rivelato un’analisi compiuta tra gennaio 2020 e giugno 2021 dagli esperti di Kaspersky nel report Streaming wars continue — what about cyberthreats?. I contenuti on-demand e i servizi di streaming sono cresciuti rapidamente negli ultimi due anni, accelerati anche dalla pandemia. I criminali informatici hanno prontamente reagito alla crescente domanda di queste nuove forme di intrattenimento. Su oltre 93.000 tentativi di infezione a livello globale (di cui 2.000 in Italia) rivolti a 18.938 utenti unici, attaccati con 8.650 file differenti. Sono in maggioranza le cinque maggiori piattaforme di streaming ad essere utilizzate: Netflix, Disney+, Apple TV+, Amazon Prime Video e Hulu.

Ritratto dei crimini informatici in Italia

Analizzando nel dettaglio la situazione del nostro Paese Rick e Morty e The Mandalorian sono risultate le serie tv più sfruttate per diffondere file dannosi sul web. Netflix è la piattaforma streaming con il più alto numero di iscritti, ed è anche più utilizzata come esca dai criminali informatici: l’88% nel mondo e l’89% in Italia degli utenti colpiti è entrato in contatto con malware o software in questo modo.
La Top 5 italiana delle serie più sfruttate come esca dai phisher continua con La Casa di Carta (14,67%), Peaky Blinders (8,15%) e Wanda Vision (4,89%).

Questi servizi non richiedono di scaricare alcun tipo file per fruire dei contenuti” – spiega il report Kaspersky e quindi “si potrebbe pensare che le attività dannose diminuiscano. Tuttavia, i criminali informatici sono in grado di adattarsi rapidamente alle nuove tendenze e architettare nuove tipologie di frode“. E invece ci sono sempre minacce informatiche, come ad esempio il phishing legato allo streaming, con cui i criminali informatici possono rubare credenziali e denaro.

Consigli per evitare truffe o malaware

Per evitare di incappare in crimini informatici attuati da programmi dannosi e truffe mentre si utilizzano i servizi di streaming, esistono degli accorgimenti che tutti possiamo seguire:

  • Verificare l’autenticità dei siti web prima di inserire i propri dati personali: utilizzare solo siti ufficiali e affidabili per guardare o scaricare film. Ricontrollare i formati delle URL e sempre l’ortografia del nome dell’azienda.
  • Utilizzare un servizio VPN affidabile.
  • Utilizzare una soluzione di sicurezza affidabile che sappia identificare gli allegati dannosi e bloccare i siti di phishing.
  • Non cliccare sui link che promettono la visione anticipata dei programmi.
  • Diffidare delle offerte che sembrano troppo convenienti: il classico “abbonamento gratuito di un anno“.
  • Accedere alle piattaforme di streaming solo tramite il proprio abbonamento a pagamento sul sito web ufficiale o sull’applicazione scaricata dagli app store ufficiali.

LEGGI ANCHE: TV, Mediaset: cresciute del 10.5% le attività in Italia

Ettore Mastai

Redazione interna - Esteri, Economia, Arte, Sport

Giornalista professionista specializzato in politica estera ed economia. Si è laureato con lode nel 2007 con una tesi sulla rivoluzione Khomeinista. Negli anni dell'università ha coltivato la sua passione per la scrittura sportiva e per i temi del gambling. Per l'agenzia di stampa nazionale AGV News-Il Velino ha curato la sezione di Giochi e Scommesse e di Ippica e dintorni. Spesso si è occupato anche di politica nazionale in relazione ai suoi campi di azione giornalistica.

Back to top button
Privacy