"
MondoNewsPrimo piano

Isis, minacce a Di Maio. In Libia elezioni il 24 dicembre

Il ministro degli Esteri ha ricevuto minacce dalla rivista Al Naba il giorno dopo che la Conferenza di Parigi ha stabilito la data delle elezioni a Tripoli

L’Italia e il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, nel mirino dell’Isis. Su Al Naba, la rivista degli integralisti del sedicente Stato islamico, sono tornate le minacce al titolare della Farnesina, con tanto di foto che ritrae Di Maio al vertice della coalizione anti-Daesh tenutosi lo scorso giugno a Roma. Nell’articolo, dal titolo Perché il Califfato li spaventa si fa anche accenno alla “conquista di Roma“. Già nel mese di luglio il ministro degli Esteri aveva ricevuto minacce sulla stessa rivista. Al vertice di Roma di giugno aveva partecipato, assieme a Di Maio, anche il Segretario di Stato Usa Antony Blinken.

Di Maio, solidarietà di Conte e Fico

Sono vicino a Luigi Di Maioscrive su Twitter l’ex premier Giuseppe Conte – per le nuove, gravissime minacce ricevute dai terroristi Isis. Non ci fanno paura: il suo impegno, al servizio del Paese e della stabilità internazionale, non sarà scalfito da atti intimidatori. Chi tocca Luigi tocca ognuno di noi“. “L’Italia non arretrerà di un centimetro nella sua lotta al terrorismo internazionale – afferma il presidente della Camera Roberto FicoLe minacce dell’Isis al ministro Luigi Di Maio sono minacce a tutta la nostra comunità. A lui la vicinanza mia e di Montecitorio“.

Libia, elezioni sotto Natale

La mossa dell’Isis che addita Di Maio giunge all’indomani della Conferenza sulla Libia a Parigi. I Capi di Stato e di Governo lì riuniti hanno stabilito che le elezioni parlamentari e presidenziali si terranno nel paese alla vigilia di Natale, il 24 dicembre. Chi ostacolerà il voto incorrerà in sanzioni internazionali. I leader mondiali riuniti nella capitale francese hanno anche ribadito il sostegno al piano d’azione per il ritiro di mercenari, combattenti e forze straniere dal territorio libico.

Draghi, Di Maio e il futuro di Tripoli

Al vertice ha preso parte per l’Italia il premier Mario Draghi, dopo che Di Maio aveva presenziato alla Conferenza di ottobre a Tripoli. Fra i partecipanti al meeting di Parigi anche la vicepresidente americana, Kamala Harris. Non sono però passate inosservate le assenze del presidente russo Vladimir Putin e di quello turco Recep Tayyip Erdogan, che mantengono contingenti armati di soldati e mezzi militari sul territorio libico. Per questo il presidente francese Emmanuel Macron, che ha presieduto la Conferenza insieme alla cancelliera Merkel e a Draghi, ha rinnovato l’appello a Mosca ed Ankara per il ritiro dei mercenari.

LEGGI ANCHE: Cop26 verso il documento definitivo: accelerare le rinnovabile come priorità

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy