"
Primo pianoSport

Tennis, Atp Finals: Berrettini si arrende. Sinner entra al suo posto

L'infortunio all'esordio non ha dato scampo al n. 1 azzurro. Jannik prima riserva batte Hurkacz e si commuove per Matteo

16Lo annuncia lo stesso Matteo Berrettini che non scenderà in campo:
Ho pensato, riflettuto, pianto e alla fine deciso… 
Le mie finals finiscono qui, sono distrutto, mai avrei pensato di dover rinunciare all’evento tennistico più importante mai tenutosi in Italia in questo modo.
La verità è che per quanto io avessi voluto giocare davanti a voi ancora una volta, ho sentito e quindi deciso che il mio corpo non è pronto ad affrontare le sfide che ho davanti.
Dire che sono triste non renderebbe giustizia allo stato d’animo in cui sono, mi sento derubato di qualcosa che ho conquistato con anni di sforzi e sudore. Non è stata una decisione facile, ma sono convinto che sia la migliore per me e per la mia carriera.
Grazie del vostro continuo sostegno e delle migliaia di messaggi che mi avete mandato, mi avete emozionato.
Grazie”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Matteo Berrettini (@matberrettini)

E’ comprensibilmente arrabbiato e dispiaciuto. Per non aver potuto giocare fino in fondo queste sue seconde Atp Finals in carriera, le prime delle sei che si disputeranno a Torino. L’infortunio di lunedì sera all’inizio del secondo set della partita contro Alexander Zverev si è rivelato purtroppo quello che tutti temevano. Ha provato in allenamento, dopo gli esami strumentali fino all’ora di pranzo, poi via social l’annuncio del ritiro che è arrivato con le parole sopra.

Sinner sostituisce Berrettini e vince con un Hurkacz molto falloso

Doppio 6-2 con un Sinner finalmente solido al servizio che vince la sua prima partita alle Finals in carriera. Da 10 anni una riserva non vinceva una partita nel Torneo dei Maestri: erano i tempi di Janko Tipsarevic. Si commuove l’altoatesino al termine dopo aver scritto sulla telecamera: “Matteo sei un idolo”. E dichiara: “Questo torneo qua lo giochiamo per Matteo, per la persona che è semplicemente incredibile. Proviamo a fare del nostro meglio.” Poi torna sulla maturità mostrata nel match: “ho fatto abbastanza esperienza durante l’anno per dare il mio meglio qui.” Questa prestigiosa vittoria lo riporta in top-10 che lo stesso Sinner aveva indicato come un obiettivo della stagione. Ora c’è l’ultimo match con Daniil Medvedev.

Nel pomeriggio il russo detentore del Trofeo dei Maestri vince la sua seconda partita e vede le semifinali regolando il n.3 del mondo Zverev con il punteggio di 6-3, 6-7, 7-6. Due ore e mezza di lotta, con due tie-break. Il russo dopo un primo set dominato, ha uno dei suoi momenti di “follia” e cede il secondo set. Una bella partita in cui si è cercato spesso la rete e per cui serve ancora il tie-break per deciderla.

LEGGI ANCHE: Calcio, La Nazionale non vince più

Ettore Mastai

Redazione interna - Esteri, Economia, Arte, Sport

Giornalista professionista specializzato in politica estera ed economia. Si è laureato con lode nel 2007 con una tesi sulla rivoluzione Khomeinista. Negli anni dell'università ha coltivato la sua passione per la scrittura sportiva e per i temi del gambling. Per l'agenzia di stampa nazionale AGV News-Il Velino ha curato la sezione di Giochi e Scommesse e di Ippica e dintorni. Spesso si è occupato anche di politica nazionale in relazione ai suoi campi di azione giornalistica.

Back to top button
Privacy