"
NewsPrimo pianoTecnologia

Apple, nuovo negozio online per riparare da soli lo smartphone

Il colosso di Cupertino lancia Self Service Repair per acquistare ricambi ed effettuare le riparazioni senza andare in un Apple Store

Novità dalla Apple per gli smartphone: gli utenti potranno accedere a uno speciale servizio di riparazione fai-da-te. Dopo che gli azionisti della big tech più sensibili alla sostenibilità, così come diverse associazioni dei consumatori, hanno messo sotto pressione il colosso di Cupertino, qualcosa è cambiato.

Apple, rivoluzione sui ricambi

È così che è nato il programma Self Service Repair. Come precisato in una nota ufficiale, “consentirà ai clienti in grado di effettuare le riparazioni, di accedere a componenti e strumenti originali di Apple“. Si tratta di un cambio di rotta importante. Soltanto negli ultimi anni, infatti, Apple ha aperto all’idea di consentire l’accesso a terzi autorizzati per ciò che riguarda pezzi di ricambio originali circa i prodotti venduti.

Come funziona Self Service Repair

Tutti potranno dunque sostituire elementi usurati o rotti dei propri dispositivi senza doversi recare in un Apple Store. E senza andare in uno dei migliaia di centri autorizzati presenti sul territorio. Si parte dagli Stati Uniti, a inizio 2022. In pratica con il supporto alle famiglie di iPhone 12 e iPhone 13. Altri paesi seguiranno, Italia inclusa, nel corso del prossimo anno. Dopo gli smartphone, sarà la volta dei Mac con processore casalingo chip M1.

La postilla della garanzia Apple

Ampliare l’accesso a parti originali Apple garantisce ancora più possibilità di scelta quando si ha bisogno di una riparazione” ha dichiarato Jeff Williams, Chief Operating Officer a Cupertino. Il nuovo negozio online permetterà di acquistare oltre 200 parti originali singole e strumenti per le riparazioni più comuni per iPhone 12 e iPhone 13. Ma attenzione alla garanzia. “I clienti coperti da garanzia, AppleCare+ o AppleCare Protection Plan, devono contattare Apple o richiedere assistenza a un fornitore di servizi autorizzato. Se una riparazione eseguita al di fuori delle reti di riparazione autorizzate di Apple non ha esito positivo o provoca danni al dispositivo, le riparazioni future presso gli Apple Store, la rete di fornitori di servizi autorizzati Apple e i centri di riparazione, potrebbero essere soggette a costi di assistenza fuori garanzia” precisa il colosso high-tech.

LEGGI ANCHE: Anagrafe digitale per tutti da oggi. Il primo certificato di Mattarella

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy