"
Primo pianoTV

Blade Runner, Ridley Scott sta lavorando ad una serie TV live action

In una recente intervista, il regista ha spiegato di aver già scritto l'episodio pilota della serie televisiva

Blade Runner potrebbe avere un futuro anche in televisione. L’acclamato film arrivato in sala nel 1982 e poi riproposto di recente, precisamente nel 2017, con Blade Runner 2049, si presta anche al piccolo schermo cambiando pelle. Ridley Scott ha affermato di star lavorando ad una serie TV live action e di aver già scritto l’episodio pilota. Durante un’intervista con Radio’s Today della BBC, il regista ha spiegato di avere del materiale a disposizione che gli permetterebbe di girare episodi della durata totale di dieci ore.

Ridley Scott annuncia la serie TV di Blade Runner

Il regista non ha svelato ulteriori informazioni circa il progetto, ma potremmo quindi dedurre che la prima stagione sarebbe composta da dieci episodi di un’ora ciascuno. Tutto il resto è avvolto da un grande alone di mistero. Non sappiamo, infatti, quale sarà la trama né l’ambientazione prestabilita, così come il regista non ha menzionato attori del cast. In ogni caso, quel che è certo è che la serie TV si andrà ad unire alla grande famiglia di Blade Runner. Tutto ha avuto inizio nel 1982 con il primo film divenuto un cult con protagonista Harrison Ford. Nel corso degli anni questo franchise si è allargato sempre più, includendo il sequel recentissimo con Ryan Gosling (Blade Runner 2049), un sidequel intitolato Soldier e uscito nel 1998 e la serie anime Blade Runner: Black Lotus uscita il 14 novembre 2021.

E non solo Blade Runner. Ridley Scott ha spiegato che un progetto simile è stato dedicato anche al franchise di Alien. Anche in questo caso, il regista starebbe lavorando ad una serie TV e avrebbe già scritto l’episodio pilota. Già a dicembre 2020 era trapelata la notizia di una possibile serie TV su Alien che ha coinvolto come showrunner Noah Hawley. Quest’ultimo, in una precedente intervista con Vanity Fair, aveva spiegato che la storia sarebbe stata ambientata sulla Terra. “Le storie aliene sono sempre intrappolate in una prigione o su un’astronave. Ho pensato che sarebbe stato interessante aumentare la posta in gioco impostandola come ‘Cosa succede se non riesci a contenerli’?“.

LEGGI ANCHE: “Love Actually” compie 18 anni: il tributo di “Love Hard” su Netflix

Cristina Migliaccio

Moda, Lifestyle & Glamour

Nata ad Ischia, ha studiato a Salerno dove ora vive Editoria e pubblicistica. Ha vissuto quattro anni a Roma diventando giornalista pubblicista.
Appassionata di libri e di tutte le dinamiche dell'intrattenimento televisivo, soprattutto riguardo le serie TV. Si occupa di Moda, analizzando nel dettaglio i red carpet e le tendenze. Sul blog www.velvetgossip.it di VelvetMAG è curatrice di curiosità ignote ai più.

Back to top button
Privacy