"
Primo pianoRoyal Life

Meghan Markle vince la causa contro l’editore: “Sono stata paziente”

La moglie del principe Harry ha celebrato la vittoria con un lungo post sui social

Meghan Markle ha vinto la lunghissima battaglia legale contro l’editore di The Mail On Sunday. L’editore si era opposto alla prima sentenza del giudice e l’ex assistente personale della Markle aveva testimoniato contro di lei. La duchessa di Sussex aveva intentato la causa per la pubblicazione della lettera inviata al padre Thomas Markle. La moglie del principe Harry ha condiviso sui social la gioia per la vittoria ottenuta dal giudice.

Il giudice da ragione a Meghan Markle e condanna l’editore

Si è conclusa definitivamente la battaglia giudiziaria di Meghan Markle contro l’editore britannico. La duchessa del Sussex aveva citato in giudizio la Associated Newspapers Limited per cinque articoli che riproducevano parti di una lettera “personale e privata” inviata al padre Thomas Markle nell’agosto 2018. Già all’inizio dell’anno l’Alta Corte le aveva dato ragione, ma senza un processo completo. Per questo motivo l’editore ha presentato ricorso e, in un’udienza di tre giorni a novembre, ha sostenuto che il caso dovesse essere riesaminato sulla base di alcune incongruenze nelle dichiarazioni dell’ex attrice.

La Markle, infatti, ha denunciato la violazione della privacy e del copyright. Ma l’ex assistente personale ha testimoniato contro di lei affermando che non era stata lei a scrivere tutto il contenuto e che era consapevole che sarebbe stato pubblicato. Ma i tre giudici che hanno emesso la sentenza hanno anche respinto l’appello della ANL.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Archewell by Harry and Meghan (@archewell_hm)

Il messaggio sui social per celebrare la vittoria

Riassumendo la propria sentenza, il giudice Geoffrey Vos ha affermato: “Quei contenuti erano personali, privati ​​e non di interesse pubblico legittimo“. Scrivendo un lunghissimo post sui social, Meghan Markle ha annunciato la propria vittoria dicendo: “Questa è una vittoria non solo per me, ma per chiunque abbia mai avuto paura di difendere ciò che è giusto“.

La moglie del principe Harry ha anche affermato di aver subito intimidazioni e di aver dovuto resistere di fronte alla distorsione dei fatti. Continuando ha scritto: “Più a lungo si trascinava, più potevano distorcere i fatti e manipolare il pubblico, rendendo un caso semplice straordinariamente contorto al fine di generare più titoli e vendere più giornali. Un modello che premia il caos al di sopra della verità. Nei quasi tre anni da quando è iniziato, sono stata paziente di fronte a inganni, intimidazioni e attacchi calcolati“.

LEGGI ANCHE: Il principe Carlo: “La schiavitù macchia per sempre la nostra storia”

Roberta Gerboni

Beauty & Royal affairs

Siciliana, vive a Roma. Appassionata di scrittura e giornalismo fin da giovane, inizia il proprio percorso in redazione a 17 anni, occupandosi di cultura e attualità. Per tre anni redattore del Corriere di Gela, si è dedicata alla redazione di articoli per varie testate online.
Laurea Magistrale con Lode in Lettere Classiche all' Università degli Studi di Siena, dopo aver conseguito la laurea triennale in Lettere a Catania.
Appassionata di salute, bellezza e delle vite dei reali di tutto il mondo.

Back to top button
Privacy