"
MondoNewsPrimo piano

Usa, la tragedia dei tornado. Oltre 100 morti nel solo Kentucky

In un magazzino Amazon dell'Illinois gli addetti facevano gli straordinari per Natale: 6 sono morti, 45 gli estratti vivi dalle macerie, altri mancano all'appello

Tornado negli Usa, si contano le vittime e i danni. Il solo Stato del Kentucky avrà con ogni probabilità oltre 100 morti per il devastante passaggio dei cicloni nella notte fra venerdì 10 e sabato 11 dicembre. Questo il timore che il Governatore, Andy Beshear, ha espresso alla Bbc. “Nulla che si trovasse sulla linea diretta del tornado è rimasto in piedi“, ha affermato. Ha quindi aggiunto di sperare ancora in un miracolo. Tuttavia con il passare del tempo si fanno sempre più remote le possibilità di trovare sopravvissuti sotto le macerie.

Arkansas, tornado sulla casa di cura

Drammatica la vicenda di una casa di riposto di Monette, nell’Arkansas. A una tv locale, riporta il Corriere della Sera, l’infermiera Barbara Richards, 57 anni,  ha raccontato quello che è successo al momento del passaggio del tornado. “L’altra sera ho guardato dalla finestra – ha dichiarato – e ho visto una lunga colonna nera. Veniva diritta verso di noi. Sono corsa ad avvisare i nostri ospiti. Abbiamo radunato le persone bloccate sulle sedie a rotelle. Mi sono chinata su di loro per proteggerli e ho visto le altre colleghe fare la stessa cosa“. La struttura accoglieva 67 persone anziane. Una di esse è morta. Tutti gli altri sono adesso sfollati in una scuola.

Illinois, morti nel magazzino Amazon

I morti finora accertati in Kentucky sono 80, ai quali però occorre aggiungerne 14 negli altri Stati colpiti: ArkansasIllinois, Missouri e Tennessee. “Ancora non sappiamo quante vite umane siano andate perdute né l’ampiezza dei danni“, aveva commentato a caldo il Presidente Joe Biden, promettendo che lo Stato federale avrebbe fatto “tutto il possibile per aiutare“. Nel frattempo, con 6 morti accertati, ancora non si conosce con esattezza il numero delle persone rimaste intrappolate fra le macerie del magazzino di Amazon nell’Illinois. Jeff Bezos ha detto di avere il “cuore spezzato” per le vittime: “Le notizie da Edwardsville sono tragiche”, ha dichiarato il patron di Amazon su Twitter. Al passaggio del tornado i circa 100 addetti al magazzino Amazon di Edwardsville, Illinois, stavano facendo gli straordinari in vista del Natale. Sarebbero rimasti intrappolati nel capannone quando questo è crollato. Finora almeno 45 persone sono state estratte vive dalle macerie, una delle quali ferita gravemente e trasportata in elicottero in ospedale.

Decine di tempeste in poche ore

Nella notte tragica dei tornado, tra venerdì e sabato scorsi, il centro meteorologico degli Usa ha registrato più di 30 tempeste. Le devastazioni sono durate anche tre ore: un tempo lunghissimo, quasi senza precedenti. Il fenomeno dei cicloni, tipico degli Stati Uniti centrali, è dovuto allo scontro tra correnti di aria fredda e di aria tiepida. Generalmente avviene tra maggio e luglio. Naturalmente non è escluso che possa trattarsi di effetti dei cambiamenti climatici. Il surriscaldamento del pianeta, infatti, può dar vita alle condizioni di un corto circuito nell’atmosfera anche nel mese di dicembre.

Jeff Bezos, ecco chi è l'uomo più ricco del mondo
Jeff Bezos, patron di Amazon. Almeno 6 le vittime del crollo di un magazzino aziendale in Illinois

LEGGI ANCHE: Esplosione di Ravanusa: 7 morti e 100 sfollati, gravi danni a 40 edifici

 

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy