Covid, dalla terza dose a 4 mesi all’obbligo di mascherine: tutte le nuove misure

La cabina di regia voluta da Draghi anticipa il Cdm che varerà le decisioni per regolamentare le feste di fine anno

La cabina di regia a Palazzo Chigi col premier Mario Draghi si prepara a varare le nuove misure anti Covid-19 per le feste natalizie. Misure che il Consiglio dei ministri dovrà confermare e integrare. Fra le proposte sul tavolo: divieto di eventi all’aperto fino al 31 dicembre, durata ridotta a 6 mesi del Green Pass e obbligo in tutta Italia delle mascherine all’aperto. Per quanto riguarda le mascherine, si valuta l’obbligo delle FFP2 per eventi, spettacoli e sui mezzi di trasporto.

Obbligo vaccinale, nuove categorie

Inoltre il Governo starebbe valutando l’introduzione dell’obbligo di vaccini anti Covid per tutta la Pubblica amministrazione. Nonché l’ipotesi di calmierare i prezzi delle mascherine FFP2 e la riduzione a 4 mesi dei tempi per ricevere la terza dose di vaccino. Alla cabina di regia sul Covid, presieduta da Draghi, hanno preso parte i capi delegazione di maggioranza, il capo del Cts, Franco Locatelli, e il presidente dell’Iss, Franco Brusaferro.

Green Pass Covid, durerà 6 mesi

Il Green Pass dovrebbe durare 6 mesi dal primo febbraio 2022. Il tempo di durata del Pass dunque passerà dagli attuali 9 ai 6 mesi. La mascherina FFP2 sarà obbligatoria al cinema, per eventi sportivi, sui mezzi del trasporto pubblico. Obbligo di mascherine all’aperto anche in zona bianca. Fino al 31 gennaio si prevede l’estensione dell’obbligo di Green Pass rafforzato (2G, solo per vaccinati e guariti) alla ristorazione al chiuso anche al banco. Inoltre, si vieta il consumo di cibi e bevande, al chiuso, in cinema, teatri e per eventi sportivi.

Terza dose e feste all’aperto

Con un’ordinanza del ministro della Salute il periodo minimo per la somministrazione della terza dose di vaccino anti Covid dal completamento del ciclo vaccinale primario si ridurrà da 5 a 4 mesi. Si attende però sul punto un approfondimento tecnico, spiega l’Ansa. Fino al 31 dicembre, inoltre, sono vietati eventi e feste che implichino assembramenti all’aperto. Il governo valuta l’introduzione di prezzi calmierati per la mascherine FFP2, dopo l’introduzione dell’obbligo nei cinema, teatri, eventi sportivi e mezzi di trasporto.

Feste di Capodanno

Infine, per poter partecipare a una festa in un locale o per andare a ballare in discoteca tra il 28 e il 31 dicembre bisognerà aver fatto la terza dose del vaccino. In alternativa occorrerà avere l’esito negativo di un tampone se si è ancora in attesa del booster. Sarebbe questo l’orientamento emerso dalla cabina di regia sulla questione dei tamponi per i vaccinati contro il Covid anche se una decisione definitiva, spiegano diverse fonti, sarà presa in Consiglio dei ministri.

LEGGI ANCHE: Covid, Draghi: “Fare la terza dose”. Possibile il tampone ai vaccinati

Exit mobile version