Primo pianoRoyal Life

Harry e Meghan potrebbero ottenere 1,5 milioni e perderne 18 milioni

I Sussex hanno vinto una causa con l'editore ma potrebbero avere problemi con Spotify

Meghan Markle potrebbe ottenere più di 1,5 milioni di sterline dopo aver vinto con successo la sua battaglia sulla privacy contro i tabloid inglesi. D’altro canto, però, lei e il marito Harry potrebbero veder sfumare il guadagno di 18 milioni di sterline da parte di Spotify. Secondo le ultime indiscrezioni, infatti, l’azienda non vorrebbe pagare quanto previsto dagli accordi, dal momento che i Sussex non hanno prodotto nessuna nuova puntata del loro podcast.

Il risarcimento milionario di Meghan Markle

Il Mail on Sunday ha riportato che Meghan Markle potrebbe aver diritto ad un ingente risarcimento dopo che ha vinto la sua causa contro i tabloid inglesi. Da tre anni, infatti, la moglie del principe Harry portava avanti una battaglia legale contro l’editore del giornale che ha pubblicato estratti di una lettera che aveva scritto al padre. Il suo team ha dichiarato che le spese legali si aggirano intorno ad 1,5 milioni di sterline. La Markle, dunque, potrebbe ottenere questo riconoscimento. E proprio domenica Lord Justice Warby ha ordinato al Mail di pagare 450.000 sterline di costi, con la possibilità di pagarne di più in futuro.

Principe Harry Meghan Markle figlia

Tensioni per il pagamento da parte di Spotify

Un amico dei Sussex, intanto, ha dichiarato a People che il principe Harry e Meghan si stanno godendo il loro soggiorno in California. Dopo la vittoria in tribunale, infatti, la coppia si gode la serenità in famiglia, anche se all’orizzonte si prospettano problemi relativi al contratto stipulato con Spotify. Come riportato dall’Express.co.uk, infatti, l’azienda dello streaming potrebbe non pagare quanto pattuito con la coppia per il podcast. I Sussex, infatti, hanno pubblicato finora solo un episodio, andato in onda lo scorso dicembre. L’avvocato ha dichiarato, dunque, che Spotify potrebbe non pagare tutta la somma, pari a 18 milioni di sterline, e potrebbe tener conto anche della “popolarità” raggiunta dal programma.

In una recente intervista, infatti, ha detto che è improbabile che abbiano pagato l’intero anticipo e che invece abbiano pagato un piccolo anticipo al duca e alla duchessa di Sussex, mantenendo il diritto di rescindere il contratto se il primo episodio non fosse stato popolare. Come in molte altre occasioni, infatti, Spotify potrebbe tenere conto anche di quanti utenti hanno pagato per avere accesso alla piattaforma a seguito dell’uscita di un nuovo podcast. I loro bot di analisi, dunque, terranno conto di ogni variabile possibile prima di pagare il compenso di Harry e Meghan, e, per gli esperti, ci sono buone probabilità che la coppia non ottenga mai la cifra.

LEGGI ANCHE: La storia triste della principessa Soraya, moglie dell’ultimo Scià di Persia

Roberta Gerboni

Beauty & Royal affairs

Siciliana, vive a Roma. Appassionata di scrittura e giornalismo fin da giovane, inizia il proprio percorso in redazione a 17 anni, occupandosi di cultura e attualità. Per tre anni redattore del Corriere di Gela, si è dedicata alla redazione di articoli per varie testate online.
Laurea Magistrale con Lode in Lettere Classiche all' Università degli Studi di Siena, dopo aver conseguito la laurea triennale in Lettere a Catania.
Appassionata di salute, bellezza e delle vite dei reali di tutto il mondo.

Back to top button
Privacy