"
NewsPoliticaPrimo piano

Caos Quirinale: Berlusconi non molla, Conte fatica, nel PD sognano Mattarella

Mentre Gianni Letta cerca di dissuadere Silvio, i pentastellati temono un voto in ordine sparso. E c'è chi fa pressione sull'uomo che non vuole restare dov'è

Mentre Silvio Berlusconi continua a lottare come un leone, secondo il suo stile, per conquistare a ogni costo il Quirinale, il suo eterno braccio destro, Gianni Letta, starebbe tentando di dissuaderlo e, per così dire, riportarlo alla realtà. “Sto facendo di tutto – sono le confidenze di Letta senior riportate da La Repubblicaper far comprendere a Silvio che il rischio di bruciarsi è altissimo nella corsa al Quirinale, che ormai si è intestato. Ma sono l’unico che si è preso l’ingrato compito di farglielo notare“.

Quirinale, il sogno di Berlusconi

La convinzione di Gianni Letta è che la strada per portare Berlusconi al Quirinale sia troppo accidentata. Il consiglio al Cavaliere è di prendersi i meriti della soluzione rappresentata da Mario Draghi, e dunque ritirarsi. Ad Arcore e dintorni l’atmosfera è molto tesa. Berlusconi ha preso male la secca chiusura di Enrico Letta e del PD sul suo nome. Quello che Matteo Salvini ha definito un “veto”. Proprio Salvini non rinuncia, intanto, a proporsi come mediatore. Ma Letta junior gli ha replicato che fin quando Berlusconi non si ritirerà dalla corsa nessuna trattativa potrà cominciare su un nome condiviso.

Conte e il M5S, difficile quadratura

Se il Centrodestra sembra congelato sul nome di Berlusconi, troppo ingombrante, il Centrosinistra non sta meglio. Il Movimento Cinque Stelle è in forte fibrillazione. È il partito che ha più da perdere se si andasse a elezioni anticipate quest’anno. Cosa del tutto plausibile nel caso in cui Mario Draghi fosse eletto al Quirinale. Ma Giuseppe Conte fatica a imporre la sua leadership sui pentastellati. Ha mostrato finora posizioni diverse: dall’idea di una donna al Colle al candidato di comune accordo coi Dem, per non parlare della ‘rettifica’ su Berlusconi “che ha fatto anche cose buone“.

L’appello sul Quirinale

Per il Quirinale “ciascuno di voi sarà chiamato a esprimere un voto importante – ha detto Conte ai suoi – Ma questo voto sarà ancora più importante e determinante se saremo compatti“. “Siamo il partito di maggioranza relativa e abbiamo un dovere di responsabilità e credibilità verso l’intero Paese. Evitiamo di dare l’immagine di andare in ordine sparso e di un Movimento spaccato. Lavoriamo affinché vi sia un’unica posizione compatta del M5S“.

Il binomio Mattarella-Draghi

Esattamente la compattezza è il problema dei partiti in questo momento, rispetto alla scelta sul Quirinale. Fra i Dem i cosiddetti Giovani Turchi che fanno capo a Matteo Orfini sono per il Mattarella bis. E forse non sono i soli nel PD. La corrente orfiniana porterà la proposta alla riunione del 13 gennaio che Letta ha convocato con Direzione e gruppi parlamentari. Lo ha spiegato il senatore Francesco Verducci all’Adnkronos. “Nessuno vuole tirare il Presidente per la giacca. Ma ora il tema è tutto interno al Parlamento. Che deve decidere e assumersi la responsabilità. La conferma del binomio Draghi-Mattarella è la garanzia migliore per uscire da un’emergenza che non è finita“.

Letta Gianni
Gianni Letta

LEGGI ANCHE: Quirinale, come funzionerà l’elezione del Presidente in era Covid

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy