"
Healthy & BeautyPrimo piano

Mal di testa e i problemi alla vista: c’è una connessione?

Come provare a prevenirlo e come affrontarlo quando insorge

Oggigiorno il mal di testa è uno dei dolori più comuni di cui soffrono le persone. Ci può essere una relazione diretta tra il mal di testa e i problemi alla vista? La risposta è sì. Il fastidio infatti può essere infatti strettamente legato a errori di rifrazione come la miopia, all’affaticamento degli occhi, allo strabismo, ecc. Secondo Clinica Baviera, tra le aziende leader in Europa nel settore dell’oftalmologia, due persone su dieci soffrono regolarmente di mal di testa e più della metà degli adulti nell’ultimo anno ha sofferto almeno una volta di mal di testa. Fortunatamente, si tratta di solito di un dolore temporaneo che passa in poche ore.

Mal di testa e problemi alla vista: i consigli per prevenire il fastidio

L’emicrania è spesso accompagnata da problemi alla vista come l’apparizione di lampi, punti luminosi, luci, sintomi generalmente indicati come aura visiva. Queste auree possono essere anche accompagnate da vertigini, brividi, confusione, sensibilità alla luce e persino perdita parziale della vista. Anche se le cause sono molte, gli errori di rifrazione fanno sì che la persona faccia uno sforzo continuo per mettere a fuoco la visione e questo genera tensione nei muscoli vicino agli occhi, provocando poi il mal di testa. Di seguito alcuni piccoli consigli per prevenire il problema.

Consultare un oculista

La prima e più importante cosa da fare è consultare un oftalmologo per correggere eventuali problemi visivi, se ce ne sono, e per escludere altre possibili patologie.

Mal di testa e problemi alla vista: moderare l’uso di schermi elettronici

È essenziale non passare troppo tempo davanti agli schermi e, se non c’è altra possibilità, cercare di fare delle pause regolari chiudendo gli occhi per farli riposare. È importante fare una pausa di dieci minuti ogni ora per evitare l’insorgere di problemi. È anche fondamentale posizionare gli schermi alla giusta distanza, a circa 40 o 45 cm dagli occhi, tenerli puliti e con un’illuminazione adeguata.

Condurre una vita sana

È importante non fumare, non solo per il mal di testa, ma per la nostra salute in generale. È anche consigliabile limitare il consumo di alcol e caffeina, che possono scatenare l’emicrania e aumentare la sua intensità. Inoltre, dovremmo condurre uno stile di vita sano e bere molta acqua per restare bene idratati.

Mangiare bene

Sarebbe importante anche seguire una sana alimentazione, prediligendo frutta e verdura e cibi freschi; meglio evitare gli alimenti che possono causare mal di testa come cioccolato, insaccati, cibi in scatola, frutti di mare, prodotti fermentati e qualsiasi cibo ultra-processato.

Mal di testa e vista: fare attività fisica regolarmente aiuta

Non dobbiamo condurre una vita sedentaria, è importante fare esercizio quotidiano per mantenere una buona salute generale e in particolare per avere una buona salute visiva.

Fare attenzione allo stress

È importante ridurre lo stress, che può influire sulla salute e causare ansia e mal di testa.

Dormire abbastanza

Non basta dormire otto ore al giorno per sentirsi bene, ma è essenziale avere una buona routine del sonno.

Prestare attenzione agli occhi

Dobbiamo evitare l’affaticamento degli occhi e la secchezza oculare, quindi cercare di sbattere le palpebre frequentemente e di lubrificare i nostri occhi con lacrime artificiali.

Mal di testa e vista: come cercare di alleviare il dolore

Se questi consigli non bastano per evitare il mal di testa, seguiamo questi piccoli passi per cercare di ridurne l’intensità e la durata. Riposare in una stanza tranquilla e buia, preferibilmente in silenzio per favorire il recupero. Massaggiare delicatamente la testa e la zona degli occhi per rilassare e rilasciare la tensione. Applicare impacchi di acqua fredda sulla fronte per alleviare il dolore. Fare un bagno o una doccia calda o fredda, secondo i gusti, per cercare di rilassare e “rinfrescare” la mente. Non superare la dose prescritta di farmaci e non curarsi da soli.
Tenere un diario del dolore. È buona pratica avere un registro su cui annotare data e ora dell’insorgenza dei sintomi, segnare cosa si stava facendo quando si sono presentati, le cose mangiate e bevute nelle 24 ore precedenti; in cui spiegare come è andata la notte prima, le ore di sonno dormite e quanto è durato il dolore, al fine di individuare possibili fattori scatenanti. Tutte cose che possono senza dubbio aiutare lo specialista a focalizzare il problema.

 

LEGGI ANCHE: La beauty routine per le feste per essere scintillanti 

Elena Parmegiani

Moda & Style

Giornalista di moda e costume, organizzatrice di eventi e presentatrice. Consegue la Laurea Magistrale in Comunicazione Istituzionale e d’Impresa all’Università “La Sapienza” di Roma. Muove i primi passi lavorativi con gli eventi per il Ferrari Club Italia, associazione di possessori di vetture Ferrari. Da più di dieci anni è il Direttore Eventi della Coffee House del prestigioso museo Palazzo Colonna a Roma. Ha organizzato e condotto molte sfilate di moda per i più importanti stilisti italiani. Come consulente è specializzata nella realizzazione sia di eventi aziendali, sia privati. Scrive di moda, bon ton (con una sua rubrica), arte e spettacolo. Esperta conoscitrice dei grandi nomi della moda italiana, delle nuove tendenze del Fashion e del Made in Italy. Cura anche la rubrica di Velvet dedicata al Wedding.

Back to top button
Privacy