"
NewsPoliticaPrimo piano

Quirinale, la Lega tifa Draghi a Chigi. Il piano B per il Colle senza Berlusconi

E Salvini propone un maxi rimpasto nell'esecutivo con dentro i big dei partiti

Conto che il prossimo Presidente del Consiglio sia Draghi, che si continui a lavorare con lui. Per il Colle avrete il nome entro 15 giorni“. Così Matteo Salvini, oggi 12 gennaio, in una conferenza stampa a Montecitorio. “La Lega non ha nessuna exit strategy dal governo” aggiunge. “All’opposto: sarà un anno difficile e serve che la politica ci metta la testa e la faccia. La Lega c’è a prescindere da chi è a Chigi, da chi sarà il premier. L’idea è che si continui con Draghi ma l’importante è andare avanti“.

Quirinale, la Lega guarda oltre il Cav

Noi dobbiamo capire se Berlusconi è davvero in campo” afferma Riccardo Molinari, capogruppo Lega, a Radio Anch’io a proposito del Quirinale. “Ci vogliamo giocare la partita in questo modo andando verso quella soluzione. Dobbiamo però prepararci un piano B. Trovare un’altra figura di Centrodestra che sia condivisibile anche dal Centrosinistra. Se Berlusconi vuol scendere in campo ci si prova con i numeri del Centrodestra sapendo che è difficile avere consensi dall’altra parte. Se questa ipotesi non è più sul tavolo per mille ragioni dobbiamo essere pronti a fare un’altra proposta“.

Salvini: “Nel Governo i big dei partiti

Il doppio binario su cui corre la partita del Quirinale costringe Matteo Salvini a intervenire sul nuovo Governo possibile. Per lui occorre mettere “gli assi di briscola” nell’esecutivo. Ovvero far entrare “le energie migliori possibili da parte di tutti i partiti“. Salvini evoca per la prima volta un rimpasto di Governo dopo l’elezione del nuovo presidente della Repubblica. Con l’ingresso dei leader. “Tutti, dal primo all’ultimo“. Salvini incluso? “Non sono uso ritrarmi dalle mie responsabilità“, risponde il segretario della Lega. L’incastro con l’esecutivo è il vero nodo di un’eventuale elezione di Mario Draghi al Quirinale. Con il passare dei giorni anche chi sostiene questa ipotesi si sarebbe convinto dell’impossibilità di proseguire con un altro premier tecnico.

Il silenzio di Draghi sul Quirinale

E Mario Draghi? Sulla partita per il Colle resta in silenzio. Nel commemorare David Sassoli, ieri 11 gennaio, il premier ha sottolineato la centralità del Parlamento, in particolare nei momenti di crisi. Parla di Europa, ma chi lo ascolta lo intende anche con un messaggio in chiave nazionale (anche ai grandi elettori). Slitta intanto a sabato la direzione PD sul Quirinale (per la camera ardente di David Sassoli, spiegano fonti ufficiali). E, a cascata, potrebbe slittare alla prossima settimana il vertice del Centrodestra. Sebbene il leader della Lega parli di un incontro con Meloni e Berlusconi “in settimana“.

Meloni Giorgia Quirinale
Foto Twitter @GiorgiaMeloni

LEGGI ANCHE: Quirinale, la tenaglia di Gianni ed Enrico Letta per fermare Berlusconi

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy