"
NewsPoliticaPrimo piano

Grillo sotto inchiesta per contratti pubblicitari con la Moby

Terremoto giudiziario e politico a pochi giorni dal voto per il Colle. Indagato anche Vincenzo Onorato, patron della compagnia di navigazione

A meno di una settimana dalle votazioni per il Quirinale, il fondatore del Movimento Cinque Stelle, Beppe Grillo, risulta indagato dalla procura di Milano. L’ipotesi di reato è traffico di influenze illecite per alcuni contratti pubblicitari che la compagnia di navigazione Moby cha sottoscritto con il blog Beppegrillo.it. Nell’inchiesta è finito anche il patron di Moby, Vincenzo Onorato. La Guardia di Finanza ha effettuato perquisizioni negli uffici della Beppe Grillo srl e nella sede legale della Casaleggio associati. L’inchiesta riguarda, fra l’altro, un contratto per 600mila euro annui che la Casaleggio Associati aveva sottoscritto con Moby spa nel triennio 2018-2020.

Le presunte influenze illecite

Secondo quanto riportato in un comunicato a firma del Procuratore della Repubblica di Milano facente funzione, Riccardo Targetti, Onorato avrebbe chiesto a Grillo una serie di interventi a favore di Moby spa. Il leader del Movimento 5 stelle li avrebbe quindi “veicolati a esponenti politici” e poi trasferito all’armatore “le relative risposte“. Sulla Moby, di recente in concordato preventivo, è in corso un’inchiesta per bancarotta. La coordina il pm Roberto Fontana. Nell’inchiesta sono indagati il patron Vincenzo Onorato e il figlio, spiega l’Ansa. Da una tranche di questa indagine è nato il filone per traffico di influenze illecite. Il fascicolo vede al centro “trasferimenti di denaro” da parte del gruppo Onorato alla società di Grillo per il pagamento di contratti pubblicitari, tra il 2018 e il 2019.

Come è nata l’inchiesta su Grillo

L’indagine era partita, tra l’altro, da una relazione tecnica, allegata al concordato preventivo nella quale si parlava di 200mila euro versati alla Beppe Grillo srl per un contratto che va dal marzo 2018 al marzo 2020. Un accordo che, secondo l’inchiesta, Moby voleva per “acquisire visibilità pubblicitarie per il proprio brand sul blog” di Grillo. Il valore? 600mila per due anni per la Casaleggio Associati per “sensibilizzare le istituzioni sul tema dei marittimi” e per “raggiungere una community di riferimento di un milione di persone“.

Grillo? Moby finanziava tutti

Ma non c’è solo Grillo nelle carte dell’inchiesta sul traffico di influenze. Risultano ai magistrati anche 200mila euro alla Fondazione Open riconducibile a Matteo Renzi; 100mila euro al Comitato Change legato al presidente della Liguria Giovanni Toti. Inoltre 90mila euro al Partito Democratico e 10mila euro a Fratelli d’Italia. Molti più denari – 550mila euro – sarebbero stati destinati, sempre secondo le accuse, a Roberto Mercuri – che non è indagato -, ex braccio destro dell’ex vicepresidente di Unicredit, Fabrizio Palenzona. A questa somma si aggiungerebbero l’acquisto e la ristrutturazione per 4,5 milioni di una villa in Costa Smeralda, appartamenti di lusso a Milano, noleggio di jet privato e auto come Aston Martin e Rolls Royce, Mercedes o Maserati. Allo stato, comunque, eccetto Beppe Grillo, gli altri nomi indicati nella relazione non risultano iscritti nel registro degli indagati.

Tegola su Conte: inchiesta su Grillo a pochi giorni dal voto per il Colle

LEGGI ANCHE: Roberta Metsola nuova Presidente del Parlamento europeo

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy