Chiara Boni sfila al Caffè Paszkowski di Firenze

La collezione Autunno/Inverno 2022 della famosa stilista toscana

Per la sua presentazione Autunno/Inverno 2022 Chiara Boni La Petite Robe ha ospitato un’intima sfilata all’interno di una delle location più iconiche di Firenze, il sontuoso Caffè Paszkowski. L’eleganza del luogo amplifica la raffinatezza senza tempo della collezione del marchio, portavoce di un mix unico di femminilità ed eleganza. La sfilata, con gli ospiti seduti ai tavolini e le modelle coinvolte in uno show stile atelier che richiama i fasti degli anni Cinquanta, ha proposto i nuovi capi della sua etichetta, La Petite Robe, che da anni sfila a New York. L’America infatti è il principale mercato estero per il brand. Quest’anno, dopo aver celebrato i cinquant’ anni di carriera nella moda a Milano, la Boni ha deciso di tornare nella sua città d’origine. La stilista infatti iniziò proprio a Firenze la sua carriera aprendo la mitica boutique You Tarzan Me Jane in via del Parione.

Chiara Boni sfila al Caffè Paszkowski di Firenze

Chiara Boni e l’emblematico jersey protagonista della collezione Autunno/Inverno 2022

L’iconico jersey di Chiara Boni La Petite Robe è stampato con una serie di motivi, che vanno da micro check e disegni spina di pesce dal gusto più maschili, a pattern damascati floccati. Il jersey diventa invece super prezioso e glamour grazie a spalmature metallizzate, tocchi lurex e una cascata di paillette stampate a fiori, che aggiungono un tocco romantico e poetico alla proposta. Spaziando da colori autunnali, compresi toni chic di olive, juniper e terracotta, a note più scure e notturne di nero, barolo e forest, la palette di colori comprende anche tonalità vibranti di Catalina blue, persimmon e curry, oltre a delicate sfumature powder rose.

In linea con lo spirito femminile del brand, grafici dettagli cut-out definiscono le silhouette

Gli outfit sono disegnati per esaltare le curve delle donne, in pieno stile Chiara Boni. La proposta di abiti, tagliati in un’ampia gamma di forme, presenta modelli con bustier incorporati, mentre le tute sono proposte in versioni più fluide o scultoree. I suit includono un nuovo smoking iper chic con rever e dettagli in raso. La gamma di blazer si arricchisce di un nuovo modello dalla silhouette allungata e avvitata, caratterizzato da ampi revers.

Realizzata in morbida pelle stampata con motivi coccodrillo e serpente, la proposta di borse aggiunge un tocco prezioso alla collezione. L’elegante ma funzionale borsa Nicolle, che mostra l’iconico manico a forma di triangolo, è presentata accanto alla mini box bag Sofia e ad una selezione di sofisticate pochette.

 

Chiara Boni, la sfilata nel luogo emblematico di Firenze

Il Caffè Paszkowski, set della sfilata di Chiara Boni, è un locale storico italiano, situato in Piazza della Repubblica. Fondato nel 1903 come birreria dall’omonima famiglia polacca, il locale assunse già dopo poco tempo quelle caratteristiche di Caffè Concerto che l’hanno fatto conoscere anche a livello internazionale, e presenta ancora oggi belle sale in stile primo Novecento. Tuttora vi si tengono serate musicali, anche se l’epoca d’oro della letteratura fiorentina è tramontata. Nelle sale interne si svolgono meeting, convegni e sfilate di moda.

 

Il caffè, location della sfilata di Chiara Boni, punto di incontro di intellettuali fiorentini

Tra questi diversi protagonisti della cultura italiana della prima metà del XX secolo. Tra gli intellettuali che amavano sorseggiare qui il caffè e il tè ricordiamo: Giovanni Papini, Gabriele D’ Annunzio, Eugenio Montale, Umberto Saba e Vasco Pratolini. Un celebre proprietario del locale, Karol Paszkowski, fu console onorario di Polonia a Firenze, e suo figlio Stanislaw (italianizzato in Stanislao). Nel 1991 il caffè Paszkowski è stato dichiarato Monumento Nazionale. Tra le curiosità della location set della sfilata di Chiara Boni? Il nome del bar ispirò Francesco Nuti per il suo film del 1998: Caruso Pascoski di padre polacco. Solo pochissimi fiorentini, naturalmente, riescono a pronunciare correttamente il nome polacco del locale, la cui pronuncia corretta sarebbe “Pashkòfski”, che viene quasi sempre storpiato in “Pascòschi”. 

LEGGI ANCHE: Shabby Chic, il trend dell’arredo casa 

Moda & Style

Giornalista di moda e costume, organizzatrice di eventi e presentatrice. Consegue la Laurea Magistrale in Comunicazione Istituzionale e d’Impresa all’Università “La Sapienza” di Roma. Muove i primi passi lavorativi con gli eventi per il Ferrari Club Italia, associazione di possessori di vetture Ferrari. Da oltre quindici anni è il Direttore Eventi della Coffee House del prestigioso museo Palazzo Colonna a Roma; a cui di recente si è aggiunto quello di Direttore Eventi della Galleria del Cardinale Colonna. Ha organizzato e condotto molte sfilate di moda per i più importanti stilisti italiani. Come consulente è specializzata nella realizzazione sia di eventi aziendali, sia privati. Scrive di moda, bon ton (con una sua rubrica), arte e spettacolo. Esperta conoscitrice dei grandi nomi della moda italiana, delle nuove tendenze del Fashion e del Made in Italy. Cura anche la rubrica di Velvet dedicata al Wedding.