MusicaPrimo pianoVideo e Social

Sanremo 2022, La corsa verso il vincitore, il successo della Ferilli e la Costituzione al Festival con Mengoni e Scotti

La lunga corsa verso il vincitore della 72esima edizione il "FantaSaremo" sempre più gara nella gara

Con i big che si esibiscono uno dopo l’altro in uno show agilissimo e dai ritmi incalzanti. Intorno alle 23 sono ben 15 gli artisti in gara a Sanremo 2022 ad essersi esibiti con la loro canzone un ultima volta prima della finalissima. Non si ferma l’apprezzamento sul web con tanto di #sabrinaferilli in tendenza per il suo non-monologo. Chi la considera la vincitrice di questa edizione come Fiorella Mannoia, che lo dice senza mezzi termini.

Sabrina Ferilli ha incarnato splendidamente il cambiamento vissuto dal Festival nella sua storia, il passaggio dalle vallette alle co-conduttrici, l’evoluzione del ruolo femminile. Accanto ad un conduttore dall’eloquio raffinato, e dalla velocità di espressione e di pensiero, appare una professionista affermata, che non subisce l’incantesimo del palco dell’Ariston, e che dimostra il proprio talento sullo stesso livello, non per parità di genere/quote rosa, ma solo per pari bravura, tenacia ed ambizione. Finalmente nel 2022, finalmente anche a Sanremo 2022.

La gara continua veloce tra i big favoriti per la vittoria e i nuovi talenti

E di talento e leggiadria continuiamo a parlare, per l’esibizione di Elisa con O forse sei tu. Pierpaolo Piccioli per Valentino ha proseguito sul filone dell’outfit etereo e celestiale, vestendo la cantautrice dell’inconfondibile bianco. La sua presenza sul palco sembra migliorare di sera in sera, incantando la platea per la delicata forza espressa con tanta grazia. E con un’umiltà che poco si addice ad una star, che si cimenta con la gara in questo Sanremo 2022 rendendola unica.

Irama, con Ovuque sarai, può finalmente esorcizzare l’assenza nella gara dello scorso anno a causa del Covid. A seguire sale sul palco Michele Bravi, avvolto in un intenso mantello nero, per ricantare la sua L’inverno dei fioriLa Rappresentante di Lista, come ogni sera, delizia con i look eccentrici Moschino Vintage: questa volta è una moderna Maria Antonietta e un cavaliere in smoking glitter rosa. Il brano Ciao Ciao è così irriverente, divertente, e ritmato da essere destinato ad entrare in testa, con la stessa forza dei look, tanto da aver dovuto improvvisare un bis del ritornello, su richiesta del pubblico.

Sanremo 2022: impazzano pizzi e trasparenze

Abito da sera e guanti lunghi in pizzo e trasparenze, Alessandro Michele per Gucci sembra voler accentuare la femminilità di Emma, per esorcizzare ogni verso di Ogni volta è così, anche Francesca Michielin, il suo direttore d’orchestra è bellissima in Miu miu rosa ed acconciatura Anni ’30.

La comparsa di un pianoforte a coda nero lucido nell’angolo del palcoscenico segna l’entrata in scena di Mahmood e BlancoIl contrasto dei loro outfit, bianco e nero, ancora tanto pizzo, è secondo solo alla melodiosa dissonanza delle loro voci, che si fondono perfettamente. L’emozione è palpabile, la sintonia tra i due artisti evidente. Un mash-up da Brividi davvero affascinante.

Highsnob e Hu cantano Abbi cura di te, lui in tailleur arancione, Lei trucco marcato e giacca dal taglio maschile, capelli rasati, tatuaggi evidenti, aspetto molto rock quasi a celare l’animo sensibile di due artisti così profondi, visibilmente emozionati.

Marco Mengoni e Filippo Scotti: la Costituzione a Sanremo

Poteva cantare e sarebbe stato già tanto, ma Marco Mengoni, già vincitore con la stupenda L’essenziale nel 2013, come super ospite ha deciso di fare molto di più. Appare davanti al sipario leggendo da un cellulare insieme a Filippo Scotti, giovanissimo e bravissimo attore – protagonista del film di Sorrentino “E’ stata la mano di Dio – commenti offensivi tratti dal web. Frasi vere di una violenza inaudita. Con l’esortazione ad essere gentili, citano gli articoli della Costituzione che garantisce da libertà di parola. ma non la libertà di offesa.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Sanremo Rai (@sanremorai)

Sangiovanni “sfotte” Amadeus e nessun può trattenersi dal ballare con Gianni Morandi

Sangiovanni con la sua delicata ironia, avvolge Amadeus (interista sfegatato) nella sciarpa del Milan, in seguito della sconfitta del derby della Madonnina, prima di ricantare Farfalle. Da una giovane rivelazione all’eterno ragazzo della musica italiana: già vincitore della serata cover, con il suo autore Jovanotti, torna sul palco Gianni Morandi. Con uno smoking di paillettes elegante come un crooner degli Anni ’50, la sua Apri tutte le porte, forse è la canzone giusta per trionfare a Sanremo 2022. Ma non è il solo esperto leone, dopo tocca a Donatella Rettore e Ditonellapiaga accompagnate da un fragoroso battimani del pubblico a tempo provocato da quella loro Chimica che infiamma la sala.

LEGGI ANCHE: Sanremo 2022: la finale tra emozione e la comicità genuina di Sabrina Ferilli

Emanuela Arcidiacono

Tv, Glamour, Spettacolo & Musica

Milanese, gestore finanziario, dopo la maturità scientifica intraprende un percorso di studi universitari in ambito economico. Una bancaria con il sogno nel cassetto del giornalismo, per cui collabora attivamente con la testata online Ticino Notizie da oltre dieci anni. Affascinata dallo scintillio del glamour, del mondo della moda, dello spettacolo, della cultura, del senso del bello, è esperta di costume e di bon ton.
Autrice del blog #imieiprimi40anni, diario di una giovane spericolata che è fortemente convita che la vita cominci a 40anni.

Back to top button
Privacy