"
MondoNewsPrimo piano

Russia-Ucraina-Nato, spiragli di pace: gli snodi del possibile accordo

Putin accetta l'idea di un negoziato, primi segnali di de-escalation

Nelle stesse ore in cui il cancelliere della Germania, Olaf Scholz, è in Ucraina, oggi 14 febbraio, a Mosca il ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov, riferisce al Presidente Vladimir Putin sulla crisi che rischia di innescare una guerra.

Lavrov: “Dialogo sull’Ucraina

Al centro dell’incontro moscovita le controrisposte da dare a Stati Uniti e Nato dopo le loro affermazioni sulle garanzie di sicurezza chieste dalla Russia. Gli Usa e l’alleanza atlantica sono pronti per “seri negoziati” con la Russia su aspetti della sicurezza, ha affermato Lavrov incontrando Putin. Il ministro ha suggerito che la Russia dovrebbe continuare il dialogo con la controparte. I punti su cui gli Usa hanno offerto, secondo Lavrov, la possibilità di dialogare sarebbero circostanziati. E riguarderebbero: 1) limiti al dispiegamento di missili in Europa; 2) restrizioni su esercitazioni militari; 3) altre misure volte a costruire un clima di reciproca fiducia.

Russia, stop a manovre militari

Putin ha tuttavia ribadito che l’espansione della Nato verso est “è infinita e molto pericolosa“. E che avviene “a spese delle ex Repubbliche sovietiche, inclusa l’Ucraina“. Sulle pagine dell’agenzia Ria Novosti si parla di un documento di 10 pagine per disinnescare la crisi ucraina. In cima alle richieste del Cremlino agli Stati Uniti c’è il “no” all’ingresso di Kiev nella Nato. Il ministro della Difesa, Sergei Shoigu, ha detto al Presidente russo che “alcune esercitazioni militari sono terminate, altre sono vicine alla fine“. Il riferimento è alle manovre che i russi e i bielorussi stanno svolgendo ai confini dell’Ucraina.

Scholz Ucraina Russia
Il cancelliere tedesco Olaf Scholz in missione verso Kiev

Scholz: “Kiev nella Nato? Non è in agenda

Da parte sua, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha tenuto oggi una conferenza stampa congiunta col Presidente ucraino, Volodymyr Zelensky. “In caso di aggressione militare, saremmo pronti a sanzioni su vasta scala – ha dichiarato – se la Russia violerà nuovamente la sovranità ucraina, sapremo cosa fare“. La questione dell’ingresso dell’Ucraina nella Nato, tuttavia, “non è in agenda“, per questo è strano che la Russia agisca come se lo fosse, ha detto Scholz. Domani 15 febbraio il capo del governo tedesco sarà al Cremlino a Mosca per incontrare Putin.

Minacciare guerra per fare pace?

Alla fine della giornata, da Mosca come da Kiev si aprono, malgrado tutto, spiragli di pace, rispetto alla potenziale minaccia di invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Per comprendere, almeno in parte, l’atteggiamento russo rispetto alla crisi ucraina può essere utile rievocare una massima cara a Vladimir Putin: “Se la rissa è inevitabile, colpisci per primo“. Il Presidente della Russia la imparò da ragazzo, “sulla strada“, come ebbe a dichiarare lui stesso qualche anno fa. Mosca non può accettare che la Nato, e quindi gli Stati Uniti, continuino ad allargarsi a est, inglobando la desiderosa Kiev, oltre ad altre ex repubbliche sovietiche come Polonia e Romania. Ragion per cui si vis pacem para bellum. Circondare parte dei confini ucraini con 130mila soldati russi non è giocare a Risiko per propaganda ma piuttosto esercitare una violenta pressione per alzare la posta con la Nato. E poi magari sedersi al tavolo delle trattative da una posizione, se non di forza, di parità. È quello che potrebbe accadere a breve.

Lavrov Di Maio
Di Maio dovrebbe incontrare nelle prossime ore il suo omologo russo Lavrov

LEGGI ANCHE: Ucraina, Di Maio in missione contro la guerra: l’Italia cerca pace e gas

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy