"
NewsPrimo piano

Milano, è allarme baby gang: quattro rapine in venti giorni

Continuano gli arresti per le violenze sessuali di Capodanno in piazza Duomo

Per la terza volta in poche settimane Milano torna al centro delle cronache per rapine di baby gang di minorenni ai danni di coetanei. Gli ultimi episodi in ordine di tempo sono andati in scena nella serata di domenica 20 febbraio. I poliziotti sono arrivati in piazzale Giulio Cesare alle 23, allertati dalle vittime del secondo raid: due ragazzi di 17 anni che 4 coetanei hanno accerchiatoderubato di 65 euro. Le forze dell’ordine hanno bloccato i giovani in piazza Buonarroti; gli adolescenti rapinati poco prima li hanno riconosciuti.

Baby gang in azione

Da ulteriori accertamenti è emerso che attorno alle 21 della stessa sera la stessa baby gang aveva accerchiato un 16enne in via Buonarroti. Lo aveva quindi costretto a consegnare 50 euro sotto la minaccia di un coltello. I quattro della banda – un 17enne, due 16enni e un 15enne con precedenti – sono finiti agli arresti per il secondo raid. Gli agenti li hanno denunciati anche per il primo episodio e li hanno accompagnati a un centro di prima accoglienza.

Vittime e aggressori sono coetanei

Venerdì scorso 18 febbraio un’altra baby gang si era accanita contro uno studente di 15 anni, fermato con una scusa in via Arona attorno alle 9, picchiato e derubato degli occhiali da vista. Alcuni amici della vittima avevano dato l’allarme al 112 e subito dopo la polizia aveva intercettato e bloccato tre coetanei. E all’inizio febbraio le forze dell’ordine avevano denunciato altri quattro minorenni, tra cui un 12enne non ancora imputabile, per aver derubato del cappellino da baseball un 14enne in viale Scarampo. I quattro, tutti residenti nell’hinterland, erano armati di coltelli.

Violenze alle ragazze a Capodanno

Due settimane fa, invece, le forze dell’ordine hanno arrestato altri due ragazzini per le violenze sessuali in piazza durante la notte di Capodanno in centro a Milano. La polizia ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip presso il Tribunale per i Minorenni su attività coordinata dal Procuratore Ciro Cascone. A farne le spese due giovanissimi gravemente indiziati di aver commesso alcune delle violenze sessuali e delle rapine avvenute quella notte. L’attività d’indagine sta interessando due giovani fra i 16 e i 17 anni ritenuti responsabili delle violenze a sfondo sessuale ai danni di due turiste tedesche, le quali appaiono in un video che ha rapidamente fatto il giro dei social. Le indagini hanno permesso inoltre di attribuire al ragazzo di 16 anni la responsabilità per una rapina in via Torino, di notte, ai danni di una coppia di giovani.

Calabria-commissario-sanità-polizia

LEGGI ANCHE: Ragazzo morto a New York, i familiari: “Claudio ha subito trattamenti inimmaginabili”

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy