NewsPrimo piano

Giappone, terremoto e allerta tsunami al largo di Fukushima

E a Napoli paura per una scossa ai Campi Flegrei come non si sentiva da quarant'anni

Un violento terremoto di magnitudo 7.3 si è registrato nella regione del Tohoku, a nord est del Giappone. La scossa ha avuto epicentro in mare a largo della prefettura di Fukushima, dove è scattata l’allerta tsunami.

Il sisma è avvenuto alle 23:36 ora locale (le 15:36 di oggi 16 marzo in Italia). Il terremoto si è sviluppato in mare a 60 chilometri di profondità, rende noto la Japan meteorological agency (Jma), che ha lanciato un allarme tsunami. L’istituto nipponico ha classificato l’intensità della scossa in 6 sulla scala giapponese di misurazione massima di 7 livelli. Per quanto riguarda i danni a persone e a cose, al momento non ci sono segnalazioni di vittime. Sui social media circolano video di edifici che tremano e le immagini mostrano che la popolazione ha vissuto una scossa sismica molto violenta.

Terremoto, paura per la centrale nucleare

Nella sola Tokyo, la megalopoli capitale del paese, circa 700mila abitazioni sono senza energia elettrica a causa del terremoto. L’agenzia elettrica nazionale (Tepco) informa che sono in corso controlli alla centrale nucleare Fukushima colpita 11 anni fa da uno tsunami. E di cui appena 5 giorni fa, l’11 marzo, cadeva l’anniversario del disastro, che provocò la morte di oltre 15mila persone.

Sisma violento anche a Napoli

Sempre oggi, in Italia, una scossa di terremoto di magnitudo 3.5 si è sviluppata con epicentro l’area della Solfatara a Pozzuoli (Napoli), nei Campi Flegrei. La si è percepita in una vasta area del Napoletano intorno alle 15 del 16 marzo. Secondo le prime informazioni, al terremoto, avvenuto a una profondità 2,7 chilometri, ha fatto seguito uno sciame di scosse di portata inferiore nei minuti successivi. L’area della Solfatara – si sottolinea dall’Osservatorio Vesuviano – è normalmente soggetta a bradisismo e a questo fenomeno si collegano vari sciami sismici di diversa intensità in corso da mesi. Ma l’evento odierno è il più forte nell’area flegrea dalla crisi del bradisismo del 1983-84, quasi quaranta anni fa.

A Napoli gli abitanti hanno avvertito distintamente la scossa di terremoto, in particolar modo ai piani alti degli edifici. Diverse le segnalazioni sia dai quartieri collinari (Vomero e Colli Aminei) che dall’area limitrofa al lungomare. Momenti di tensione, in particolare, nei quartieri residenziali di Monterusciello e Toiano. L’evento principale – accompagnato da un boato – è stato preceduto da uno sciame di 16 eventi minori e seguito da altri 6 eventi di minore intensità nel giro di pochi minuti. In campo a Pozzuoli gli uomini della Protezione Civile locale e della polizia municipale per monitorare la situazione. Al momento non si registrano danni a persone e cose.

Campi Flegrei
L’area dei Campi Flegrei a Napoli

LEGGI ANCHE: Pesaro è la Capitale della Cultura 2024. Il sindaco dedica la vittoria a Kharkhiv

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy