"
MondoNewsPrimo piano

Zelensky in video alla Camera: “Immaginate Genova bruciata, così è Mariupol”

Il premier Draghi risponde al presidente ucraino: "Vi aiutiamo, anche con le armi"

In collegamento video dall’Ucraina, il presidente Volodymyr Zelensky si è rivolto oggi 21 marzo al Parlamento italiano, davanti ai deputati, ai senatori e al Governo. Tutti riuniti alla Camera. Un’ovazione ha accolto e salutato il suo intervento. Per protesta, però, alcuni parlamentari non erano presenti. Il premier Draghi: “L’Italia è contro la ferocia di Putin e con la resistenza degli ucraini“. 

Zelensky ha parlato per circa 12 minuti. “Caro popolo italiano, oggi ho parlato con sua Santità Papa Francesco e lui ha detto parole molto importanti“, ha esordito il presidente ucraino. A Papa Francescoio ho risposto che il nostro popolo è diventato l’esercito“, ha detto Zelensky. E ha ricordato quanto l’Ucraina abbia visto il “male che porta il nemico, quanta devastazione lascia a quanto spargimento di sangue“.

Ucraina Mariupol

Zelensky: “Sono 117 i bambini uccisi finora

L’invasione russa sta distruggendo le famiglie, la guerra continua a devastare città ucraine, alcune sono completamente distrutte come Mariupol, che aveva mezzo milione di abitanti, è come Genova, immaginate Genova completamente bruciata“, ha aggiunto Zelensky. “Una settimana fa ho parlato a un incontro a Firenze, ho chiesto a tutti gli italiani di portare il numero 79, che era il numero di bambini uccisi. Ora sono 117, a causa del procrastinarsi della guerra. Con la pressione russa ci sono migliaia di feriti, centinaia di migliaia di vite distrutte, di case abbandonate, i morti nelle fosse comuni e nei parchi“.

Draghi: “Putin feroce e isolato nel mondo

La resistenza” di “tutti i luoghi in cui si abbatte la ferocia del presidente Putin è eroica“, ha detto il premier Mario Draghi in occasione dell’incontro in video, alla Camera, con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. “Oggi l’Ucraina non difende solo se stessa ma la nostra pace, libertà e sicurezza“, ha detto Draghi. “Vogliamo disegnare un percorso di maggiore vicinanza dell’Ucraina all’Europa: è un processo lungo fatto di riforme necessarie. L’Italia è a fianco dell’Ucraina in questo processo. L’Italia vuole l’Ucraina nell’Unione europea“, afferma Draghi.

Draghi Senato Ucraina Guerra

“All’Ucraina anche le armi”

In Italia abbiamo congelato beni per oltre 800 milioni di euro agli oligarchi russi” vicini a Putin, ha ricordato il premier. “A chi scappa dalla guerra dobbiamo offrire accoglienza, di fronte ai massacri dobbiamo rispondere con aiuti, anche militari, alla resistenza” ha sottolineato Draghi. “Al crescente isolamento di Putin – ha detto ancora Draghi rivolto a Zelensky in videocollegamento – dobbiamo opporre l’unità della comunità internazionale. L’Ucraina ha diritto di essere sicura, libera, democratica. L’Italia, il Governo e il Parlamento, tutti i cittadini sono con voi“.

Zelensky Papa Francesco
La foto dall’account Twitter di Zelensky, durante il colloquio col Papa

LEGGI ANCHE:

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy