La regina Elisabetta e la Gran Bretagna piangono il principe Filippo

Centinaia di persone si sono riunite all’Abbazia di Westminster per commemorare il duca di Edimburgo

La regina Elisabetta prende parte alla cerimonia funebre e commemorativa dedicata al principe Filippo. A confermare fin dalle prime ore della mattinata la sua presenza all’evento alcuni scatti che la ritraevano in auto a fianco del principe Andrea.

Dopo la cancellazione degli impegni nelle ultime settimana, infatti, si temeva che la Regina saltasse il memoriale del duca di Edimburgo. Alla fine, però, la Sovrana si è unita agli altri membri della Famiglia Reale.

Tra i presenti alla funzione, il principe Carlo e Camilla, il principe William e Kate Middleton, che hanno portato con loro anche il primogenito George e la principessa Charlotte.

La regina Elisabetta presente alla commemorazione del principe Filippo nonostante tutto

Alla commemorazione per il principe Filippo sono presenti anche alcuni degli altri pronipoti della regina Elisabetta e del marito, comprese le figlie di Peter Phillips, Savannah e Isla, e Mia, la figlia di Zara e Mike Tindall. I media avevano già diffuso la voce della presenza del principe Andrea, che oggi fa la sua prima comparsa in pubblico dalla fine del processo per abusi sessuali.

La regina Elisabetta ha fortemente voluto che tutti i suoi figli fossero presenti all’evento dedicato al duca di Edimburgo. Il terzogenito della coppia ha accompagnato la madre in auto viaggiando al suo fianco fino all’Abbazia di Westminster. Nelle ultime settimane la Sovrana, però, è stata costretta a ritirarsi da diversi eventi di alto profilo, incluso il Commonwealth Day. Sempre più numerose, infatti, erano le notizie che parlavano delle difficoltà motorie della regina, che presenterebbe rigidità alle gambe.

La commemorazione del marito, che per il funerale non ha potuto avere una cerimonia solenne a causa del Covid, è il primo evento di spessore a cui prende parte da mesi. Un portavoce di Buckingham Palace questa mattina ha dichiarato: “La Regina ha intenzione di prendere parte all’evento di oggi“. Lo staff ha messo in atto alcuni escamotage per il comfort della Sovrana. L’intera cerimonia, infatti, non ha superato la durata di 40 minuti. La sua seduta, inoltre, aveva un cuscino aggiuntivo e la Regina ha utilizzato una porta laterale dell’Abbazia per fare il suo ingresso. In questo modo ha evitato la consueta passeggiata lungo la navata centrale.

Il mondo si riunisce per ricordare il duca di Edimburgo

La morte del principe Filippo, avvenuta quasi un anno fa, ha lasciato un grande vuoto nella Famiglia Reale. La regina Elisabetta era rammaricata per non aver potuto celebrare i consueti funerali a causa del Covid. Per questo motivo, dunque, la Corona ha organizzato questa cerimonia commemorativa a cui prendono parte parte tutti coloro che conoscevano il duca di Edimburgo. Presenti circa 30 membri delle varie famiglie reali d’Europa e oltre 500 rappresentanti delle associazioni patrocinate dal duca.

Ad un certo punto, inoltre, la regina Elisabetta ha mostrato di essersi quasi commossa mentre i 1800 partecipanti intonavano Guide Me O Thou Great Redeemer prima che le campane dell’Abbazia di Westminster suonassero per celebrare la fine della cerimonia. Anche la scelta dei colori degli abiti non è stata casuale. La Sovrana, Camilla e la principessa Anna indossavano vestiti verdi in tributo della livrea verde del principe Filippo. Per quanto riguarda i fiori, inoltre, la Sovrana ha operato una scelta che riflettesse simbolicamente i valori del marito. Tutte le composizioni, infatti, includevano il colore rosso, bianco e blu per indicare il patriottismo. Presenti anche le orchidee dendrobium, che erano presenti anche nel bouquet da sposa della regina, e l’eryngium, che richiama a la carriera del duca nella Royal Navy e l’affetto per il mare per tutta la vita.

LEGGI ANCHE: La Famiglia Reale d’Olanda apre le porte del castello ai rifugiati ucraini

Beauty & Royal affairs

Siciliana, vive a Roma. Appassionata di scrittura e giornalismo fin da giovane, inizia il proprio percorso in redazione a 17 anni, occupandosi di cultura e attualità. Per tre anni redattore del Corriere di Gela, si è dedicata alla redazione di articoli per varie testate online.
Laurea Magistrale con Lode in Lettere Classiche all' Università degli Studi di Siena, dopo aver conseguito la laurea triennale in Lettere a Catania.
Appassionata di salute, bellezza e delle vite dei reali di tutto il mondo.