"
NewsPrimo piano

Roma, presunta relazione fra la preside e un allievo maggiorenne: la donna rischia il licenziamento

Il 31 marzo la dirigente sotto accusa dovrà chiarire i fatti agli ispettori dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio

Non si placa lo scandalo che ha travolto la preside del liceo classico Montale di Roma. La donna, Sabrina Quaresima, 50 anni, è sotto accusa per una presunta relazione sentimentale con un allievo maggiorenne della scuola. Rischia il licenziamento. 

Al liceo (classico, linguistico e delle scienze umane), che vanta un considerevole prestigio a livello nazionale, è ormai quasi al termine un’ispezione dirigenziale sulla vicenda, riporta il Corriere della Sera. Un’indagine che fa il suo corso a seguito di una denuncia di alcuni docenti all’Ufficio scolastico regionale. Gli ispettori cercano di appurare se ci sia stata realmente una relazione sentimentale tra la dirigente scolastica del Montale, Sabrina Quaresima, e uno studente maggiorenne.

Scuola Covid
Studenti in classe in una scuola italiana

Due versioni dei fatti

La preside nega il coinvolgimento in un’autentica relazione sentimentale. Il ragazzo, invece, lo conferma. La relazione sarebbe durata qualche mese, dallo scorso dicembre, per poi finire su insistenza del giovane. “Per ora sono illazioni“, spiega al Corriere Rocco Pinneri, direttore dell’Ufficio scolastico regionale (Usr) del Lazio. Pinneri sottolinea però che, se quanto denunciato troverà conferma, “la dirigente dovrebbe essere licenziata“.

La preside: “Sono sconvolta”

La vicenda della presunta relazione sentimentale fra la preside e l’allievo è sulla bocca di tutti al Montale. In un’intervista di ieri 29 marzo al Corriere della Sera, la dirigente Sabrina Quaresima, afferma di essere “sconvolta“. “Pensavo – aggiunge – che una sciocchezza del genere morisse così com’era nata, e invece è stata ingigantita oltre misura: è evidente che mi hanno voluto fare del male“. Con chi se la prende? Appena emersa la vicenda, sui muri dell’istituto erano comparse alcune scritte. Come “ll Montale sa” o “La laurea in pedagogia l’hai presa troppo seriamente“, “Il tuo silenzio parla per te“.

Ufficio Scolastico Regionale Lazio
La sede dell’Ufficio Scolastico Regionale del Lazio, a Roma

Ore decisive per chiarire

I primi a parlare della relazione, sostiene il Corriere della Sera, sono stati l’ex vicepreside Luigi Botticelli, e la docente di italiano del ragazzo, Manuela Greganti. Il giovane, spiegano, era preoccupato, aveva faticato a rompere la relazione con la preside, e ha chiesto aiuto. I docenti hanno parlato anche con i genitori. Quindi è scattata una denuncia della vicenda all’Ufficio scolastico. Botticelli è stato rimosso dal suo incarico di vicepreside. Secondo Sabrina Quaresima a scuola c’è chi avrebbe avuto interesse a gonfiare la storia della presunta relazione al fine di farla allontanare dal suo incarico. E ciò perché la dirigente, che è nell’anno di prova, avrebbe preso misure di rinnovamento della gestione scolastica sgradite ad alcuni dei suoi collaboratori. “Qualcuno ha pensato che in un attimo poteva farmi cacciare – ha detto al Corriere la preside – Giovedì (domani 31 marzo, ndr.) vedrò l’ispettrice regionale, spero davvero di poter chiarire tutto“.

Preside Montale Scritte
Una delle scritte, poi cancellate, apparse sui muri del Montale contro la preside

LEGGI ANCHE: Udienza Generale 30 marzo, Papa Francesco contro la guerra: “Si fermi questa crudeltà selvaggia”

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy