"
MondoNewsPrimo piano

Patrick Zaki, mancano i verbali dell’arresto

Il giudice egiziano non li concede. Per lo studente dell'Ateneo di Bologna il calvario continua: ennesimo rinvio al processo

Non c’è pace per Patrick Zaki, l’attivista egiziano per i diritti umani che studia all’Università di Bologna. Malgrado che le autorità egiziane lo abbiano scarcerato lo scorso 8 dicembre – in Egitto, dove attualmente si trova – il processo a carico del ricercatore di Mansura va avanti. E lo stillicidio delle udienze rinviate continua.

È stato infatti aggiornato al 21 giugno prossimo il processo a carico di Zaki in corso a Mansura sul delta del Nilo, la città natale dello studente. Lo ha riferito all’agenzia Ansa Marise, la sorella, al termine dell’udienza che si è svolta al mattino di oggi 5 aprile presso il Palazzo di Giustizia di Mansura. E poi lo ha scritto lo stesso Patrick sul suo account Twitter (vedi sotto).

L’attivista per i diritti umani e civili è attualmente libero dopo la scarcerazione avvenuta l’8 dicembre, al termine di 22 mesi di custodia cautelare un carcere. Ma non può tornare in Italia. A suo carico l’accusa di “diffusione di notizie false ai danni dell’Egitto“. Il tutto per aver scritto dei post su Facebook e un articolo in cui prendeva le difese della minoranza oppressa dei cristiani copti, a cui egli stesso appartiene. Proprio oggi, nel giorno della sua quinta udienza, Zaki ha fatto sapere di aver subìto un attacco informatico.

Patrick Zaki Liberato Egitto
Patrick Zaki dopo la sua scarcerazione in Egitto

Zaki, segreto sui verbali dell’arresto

Prima dell’udienza aveva dichiarato: “Sono sempre un po’ ottimista. Spero di tornare in Italia il prima possibile“. Una fonte egiziana aveva fatto sapere che il giudice monocratico di Mansura non ha ancora reso noti i verbali dell’arresto di Patrick Zaki del 7-8 febbraio 2020. Documenti che i legali dello studente avevano chiesto al fine di provare l’irregolarità del provvedimento restrittivo. La fonte ha lasciato intendere che lo stesso vale per vecchi atti processuali. E persino per un testimone. Una persona la cui testimonianza i legali di Zaki vogliono acquisire al fine di dimostrare la correttezza di quanto scritto nell’articolo incriminato sulle discriminazioni che i copti, i cristiani d’Egitto, devono subire nel loro paese.

Zaki Patrick
Un’immagine di Patrick Zaki. Foto Twitter @alaskaHQ

Amnesty: “Basta rinvii al processo Zaki

Patrick ha bisogno, da persona innocente quale è, dopo 26 mesi, di tornare alla sua libertà piena. Libertà di ricerca, studio, movimento. Non è possibile che vada ancora così a lungo avanti“, ha commentato Riccardo Noury. Il portavoce di Amnesty International Italia stigmatizza la notizia dell’ennesimo rinvio del processo. E aggiunge: “Si potrebbe chiamare cronaca di un rinvio annunciato. Questo non va bene, Patrick è bloccato nelle maglie di un sistema giudiziario che prima lo ha tenuto per 22 mesi in attesa del processo e ora lo sta trattenendo dentro un processo che non si sa quando finirà“.

Amnesty Noury Riccardo
Il portavoce di Amnesty Italia, Riccardo Noury. Foto Twitter @RiccardoNoury

LEGGI ANCHE: Caso Cucchi, 12 anni a due carabinieri: la condanna è definitiva

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy