Il principe Harry sarà in Olanda agli “Invictus Games”: ma per l’esperto non è al sicuro

Il duca di Sussex ha rinunciato al viaggio per la commemorazione del nonno nel Regno Unito per motivi di sicurezza

Il principe Harry si recherà presto in Olanda per prendere parte agli Invictus Games. Si tratta di una manifestazione a cui partecipa da diversi anni, ma che potrebbe rappresentare un pericolo per la sua persona.

Alcuni tabloid inglesi, infatti, hanno dimostrato che il viaggio del duca di Sussex potrebbe rappresentare un pericolo. La polemica si è sollevata dopo che qualche settimana fa ha rinunciato a recarsi nel Regno Unito per la messa commemorativa del principe Filippo.

Harry, infatti, ha citato in tribunale il Ministero dell’Interno britannico perché non vuole concedergli la protezione della polizia e dell’intelligence neppure a pagamento. Dopo essere stata ritardata dalla pandemia, la prossima edizione degli Invictus Games – competizione sportiva internazionale per militari feriti o malati e veterani di tutto il mondo – si svolgerà dal 16 al 22 aprile.

Il principe Harry sarà davvero al sicuro agli Invictus Games?

Esprimendo preoccupazione per sé e per la propria famiglia, il principe Harry ha dichiarato che non pensa di potersi dire al sicuro in un eventuale viaggio nel Regno Unito. Ma, stando alle parole di alcuni esperti, sarebbe stato per lui più sicuro recarsi in Gran Bretagna per il servizio funebre di suo nonno che andare in Olanda per gli Invictus Games.

A riportare la notizia è il MailOnline, che cita il parere dell’alto ufficiale di polizia che ha protetto lui e sua madre, Lady Diana. L’ex ispettore del Met Ken Wharfe ha dichiarato che Invictus per la presenza di militari ed ex soldati rappresentano un obiettivo comune per i terroristi, inclusi gli estremisti dell’ISIS. Ciò significa che la potenziale minaccia per loro e per Harry è probabilmente più alta lì che a Londra. L’esperto, dunque, ritiene che per il principe Harry sarebbe stato meno pericoloso essere a Londra per la messa per il principe Filippo il 29 marzo.

A tale proposito, però, la polizia e i servizi di sicurezza nei Paesi Bassi si sono rifiutati di dire se otterrà la protezione, anche se ciò è probabile perché uno dei partner dell’evento è il ministero della Difesa olandese, che è anche responsabile della sicurezza e del terrorismo del Paese. L’esperto ha aggiunto: “La polizia olandese effettuerà le proprie valutazioni di sicurezza e si metterà in contatto con la sicurezza privata di Harry. Ma secondo me è più rischioso andare in Olanda per sostenere un ente di beneficenza con un legame militare che recarsi a Londra“.

LEGGI ANCHE: Regina Elisabetta, I piani segreti d’azione per la morte della Sovrana: avviata un’indagine

Beauty & Royal affairs

Siciliana, vive a Roma. Appassionata di scrittura e giornalismo fin da giovane, inizia il proprio percorso in redazione a 17 anni, occupandosi di cultura e attualità. Per tre anni redattore del Corriere di Gela, si è dedicata alla redazione di articoli per varie testate online.
Laurea Magistrale con Lode in Lettere Classiche all' Università degli Studi di Siena, dopo aver conseguito la laurea triennale in Lettere a Catania.
Appassionata di salute, bellezza e delle vite dei reali di tutto il mondo.