MondoNewsPrimo piano

Israele, attacco terroristico nel cuore di Tel Aviv: 2 morti e 15 feriti

Un uomo palestinese ha colpito nella centralissima Via Dizengoff. Raggiunto dopo 9 ore di ricerche è stato ucciso dalla polizia

In Israele almeno due persone sono morte e altre 15 sono rimaste ferite in modo grave a causa di un attacco terroristico la sera del 7 aprile, in più luoghi nei pressi della centralissima Via Dizengoff.

L’attentatore sarebbe un palestinese proveniente dalla Cisgiordania. Avrebbe agito da solo: ha aperto il fuoco in punti diversi per poi dileguarsi. Le forze dell’ordine lo hanno localizzato nelle vicinanze di una moschea, dopo 9 ore di caccia all’uomo, e lo hanno ucciso. Il premier Naftali Bennett ha annunciato che Israele “resta in massima allerta” per “ogni altro attentato o attacchi imitativi“. Abu Mazen, il presidente dell’Autorità nazionale palestinese, ha condannato l’attentato.

Israele Bennett Ucraina
Il premier israeliano Naftali Bennett. Foto Twitter @naftalibennett

Nelle lunghe ore nel corso delle quali l’attentatore non era stato ancora scoperto, l’uomo ha percorso un tragitto di diversi chilometri, fra Tel Aviv e Jaffa. Per questa ragione, secondo la radio militare, si indaga la possibilità che abbia avuto un fiancheggiatore. Intanto la polizia israeliana ha dislocato 3mila agenti a Gerusalemme. L’obiettivo è di affrontare possibili tensioni durante le preghiere nella Spianata delle Moschee per il venerdì del Ramadan, il mese che ogni anno i fedeli islamici dedicano al digiuno.

Israele, 4 attentati in 2 settimane

Quello della notte scorsa a Tel Aviv è il quarto attentato in poco più di due settimane in Israele. Dopo Beersheva, Hadera, Bnei Brak – 11 morti in tutto – adesso è toccato alla strada simbolo della movida cittadina di Tel Aviv. Ovvero via Dizengoff, in pieno centro. E di giovedì, che in Israele è il giorno in cui si comincia a festeggiare l’arrivo del fine settimana.

Israele Tel Aviv Attacco Terroristico
La polizia sul posto dopo l’attacco a Tel Aviv

 

Abu Mazen: “Condanno le uccisioni

Il presidente dell’Autorità nazionale palestinese, Abu Mazen, ha condannato “l’uccisione di due civili israeliani parlando però di “una sparatoria nel centro di Tel Aviv“. Ha ribadito che “l’uccisione di palestinesi e israeliani conduce solo a un deterioramento della situazione” in un periodo segnato dal Ramadan. Ma anche dalla contemporanea Pasqua ebraica e da quella cristiana. Abu Mazen ha poi sottolineato il “pericolo delle continue incursioni sulla Moschea Al Aqsa e delle azioni provocatorie di gruppi di coloni (israeliani, ndr.) estremisti“.

La paura è ora che nelle città tornino gli scontri tra arabi ed ebrei, sottolinea sul Corriere della Sera Davide Frattini. Vale a dire fra cittadini israeliani e cittadini israeliani, come nel maggio dell’anno scorso durante gli 11 giorni di guerra con Hamas, l’organizzazione politica e paramilitare palestinese islamista, sunnita e fondamentalista. Che da Gaza ha esaltato “le missioni eroiche” senza rivendicarle. I palestinesi continuano a denunciare il fatto che Israele prosegua nell’emarginazione e nelle violenze nei loro confronti. Comprese uccisioni, anche di bambini. E nelle occupazioni arbitrarie di territori.

Abu Mazen Palestina
Abu Mazen, 87 anni, presidente dell’Autorità nazionale palestinese

LEGGI ANCHE: Ucraina, strage alla stazione di Kramatorsk: decine di morti e oltre 100 feriti [IMMAGINI FORTI]

 

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy