MondoNewsPrimo piano

Ucraina: “I russi continuano a usare armi vietate”. Finlandia verso la NATO

Helsinki dirà presto addio alla sua storica neutralità. E Stoccolma potrebbe seguirla a ruota

Nuove denunce in Ucraina per l’uso da parte degli invasori russi di bombe al fosforo e a grappolo: armi vietate dalle convenzioni internazionali. E per la prima volta un comunicato congiunto dei vertici istituzionali finlandesi chiede formalmente l’ingresso nella NATO del paese scandinavo storicamente neutrale. 

Ucraina, notte di bombardamenti: le truppe russe hanno colpito per il distretto di Kryvyi Rih nella regione di Dnipropetrovsk, nel sud est del paese. Avrebbero usato anche munizioni vietate al fosforo e a grappolo, secondo quanto riferisce su Telegram il capo dell’amministrazione militare di Kryvyi Rih, Oleksandr Vilkul. Un attacco in mattinata, oggi 12 maggio, è avvenuto anche su Zelenodolsk, sempre nell’oblast di Dnipropetrovsk. I russi hanno adoperato sistemi lanciarazzi multipli MLRS, spiega Vilkul precisando che un civile è rimasto ucciso e un altro è stato ferito.

Ucraina Armi Fosforo Russia
Un’immagine dei presunti attacchi con bombe a fosforo contro l’Ucraina

Bombe a grappolo e al fosforo, cosa sono

Le bombe, o munizioni, a grappolo sono armi estremamente pericolose, ufficialmente vietate dal 2010 da una Convenzione delle Nazioni Unite. In Ucraina sarebbero già state usate più volte. Sganciate da velivoli ma anche da lanciarazzi a terra, esplodono in aria seminando proiettili letali su un ampio raggio. Le munizioni al fosforo sprigionano una nuvola di particelle venendo a contatto con l’ossigeno. Servono a illuminare un settore o a oscurare la visuale del nemico ma se impiegate contro postazioni fisiche hanno effetti spaventosi sulle persone: incendio, asfissia, avvelenamento e morte. E hanno inoltre un forte impatto psicologico.

Ucraina, case e scuole colpite nella notte

Nella notte fra ieri e oggi 12 maggio un aereo russo ha colpito Novgorod-Siversky nella regione di Chernihiv, nel nord est. Lo ha annunciato il capo dell’amministrazione militare regionale di Chernihiv, Vyacheslav Chaus su Telegram, secondo quanto riferisce l’agenzia Ukrinform. “Su Novgorod-Siversky, i russi hanno sferrato diversi attacchi aerei su infrastrutture critiche“, tra cui scuole, ha detto Chaus. Ci sono morti e feriti, ha precisato. Sono stati inoltre danneggiati edifici amministrativi e abitazioni.

Novgorod-Siversky, regione di Chernihhiv, Ucraina
Bombardate case e scuole a Novgorod-Siversky, regione di Chernihhiv, Ucraina. Foto Twitter @ukraine_world

Un traditore ha fatto chiudere Azovstal

Le truppe russe stanno bloccando le uscite dai passaggi sotterranei dell’impianto Azovstal di Mariupol. Lo afferma il consigliere del sindaco di Mariupol, Petro Andriushchenko, su Telegram, citato da Ukrinform. “L’obiettivo principale dell’esercito russo è bloccare le uscite dai passaggi sotterranei, che sono stati indicati al nemico da un traditore. Tuttavia, i difensori di Mariupol stanno facendo tentativi di contrattacco, rischiando tutto. Non ci sono parole per descrivere l’eroismo dei difensori di Mariupol“, ha scritto Andriushchenko. I russi però puntano anche al completo dominio su Kherson, sempre nel Sud del paese.

Finlandia presto nella NATO

E a fronte dell’aggressività che la Russia ha dimostrato contro l’Ucraina si parla da tempo dell’ingresso di Svezia e Finlandia nella NATO. Da paesi emblema di neutralità fra Est e Ovest, a nuovi prossimi membri dell’Alleanza atlantica anti russa. Un passo ufficiale lo hanno compiuto in queste ore la prima ministra della Finlandia, Sanna Marin, e il presidente, Sauli Niinistö. I due leader di Helsinki hanno diffuso un comunicato congiunto in cui annunciano la loro posizione favorevole all’ingresso del paese nella NATO. Anche la Svezia vuole abbandonare lo stato di neutralità e potrebbe seguire presto l’esempio finlandese.

Svezia Finlandia NATO
Da sin.; Magdalena Andersson, premier della Svezia, e Sanna Marin, premier della Finlandia

La Finlandia deve fare richiesta per entrare nella il prima possibile“, hanno scritto i leader di Helsinki. È probabile che nell’arco di una settimana si compiano le procedure per formalizzare la richiesta di adesione ma è chiaro che il grosso dei negoziati con i vertici NATO è già concluso. Per decenni la Finlandia ha mantenuto una posizione di stretta neutralità tra Occidente e Russia, e si era perfino parlato di “finlandizzazione” come di un possibile modello da adottare in Ucraina. L’invasione della Russia ha cambiato tutte le prospettive. È cresciuta molto, fra la popolazione, la volontà di vedere il proprio paese nella NATO, giudicata una barriera insormontabile di fronte a una possibile futura aggressione di Mosca.

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy