Francia, dopo 30 anni una premier donna: Macron nomina Elisabeth Borne

Attuale ministra del Lavoro vanta una lunga carriera. In Italia una premier donna non c’è mai stata e neppure se ne parla

Il presidente francese Emmanuel Macron ha nominato premier la ministra del Lavoro, Elisabeth Borne, e l’ha incaricata di formare un nuovo Governo. Lo ha annunciato l’Eliseo in una nota. Sarà la prima donna, dopo 30 anni, a guidare l’esecutivo.

Francia, dopo 30 anni una premier donna: Macron nomina Elisabeth Borne
Elisabeth Borne, 61 anni, nuova premier francese

L’unica finora ad aver ricoperto questa carica è stata la socialista Édith Cresson, che l’allora presidente, François Mitterrand, nominò Primo Ministro nel 1991. In Francia, dunque, largo alle donne premier, mentre in Italia il tema non è neppure nel dibattito politico quotidiano.

elisabeth borne velvetmag

Grazie a Jean Castex, al suo governo e a tutta la sua squadra.” ha scritto oggi 16 maggio sui social Emmanuel Macron. “Per quasi due anni ha agito con passione e impegno al servizio della Francia. Siamo orgogliosi del lavoro svolto e dei risultati raggiunti insieme“. Parole di ringraziamento e commiato al premier francese uscente. Dopo settimane di attesa e di indiscrezioni, il capo dello Stato ha dunque nominato il suo nuovo Primo Ministro. Anzi, la sua nuova Prima Ministra, perché si tratta appunto di Elisabeth Borne: finalmente una donna a Matignon (sede del Governo) dopo trent’anni.

Borne, perché Macron l’ha scelta

Elisabeth Borne è la ministra del Lavoro uscente, ha 61 anni, e Macron ne apprezza molo l’operato. Le neo-premier fa parte del partito del presidente. Agli occhi dell’Eliseo è una profonda conoscitrice dei dossier più scottanti e delle priorità strategiche che attendono la Francia nel prossimo quinquennio. In particolare la questione climatica. Ma non basta, perché adesso a Matignon siederà una figura proveniente dalla sinistra storica.

Macron Francia Ballottaggio Le Pen

La carriera politica di Elisabeth Borne è cominciata alla metà degli anni Ottanta al ministero delle Infrastrutture. Negli anni Novanta è diventata consigliera del ministero dell’Istruzione con Lionel Jospin e, a partire dal 1992, con Jack Lang. Tra il 2008 e il 2013 ha lavorato con Bertrand Delanoë e Anne Hidalgo come direttrice generale dell’Urbanistica al Comune di Parigi. Ha poi lasciato in seguito la capitale per diventare prefetto della regione Poitou-Charentes e della città di Vienne.

L’appoggio di Ségolène Royal

È in questo periodo che Borne ha stretto legami con l’ex presidente della regione, Ségolène Royal, la quale, nominata nel 2014 ministra della Transizione ecologica nel governo di François Hollande, l’ha scelta come sua direttrice di gabinetto. Nel 2017 Borne è diventata ministra dei Trasporti, dopo la vittoria delle presidenziali di Macron. Due anni dopo, la nuova Prima ministra ha preso le redini del ministero della Transizione ecologica. A luglio 2020, con l’arrivo di Jean Castex a Matignon, è rimasta nella squadra di governo, assumendo il ruolo di ministra del Lavoro.

Cresson velvetmag
Edith Cresson con François Mitterrand

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.