Stranger Things, la quarta stagione è la dimostrazione che cast e trama possono crescere di pari passo

Più horror, più dark e più ambiziosa: tre modi per definire la prima parte della nuova stagione di Stranger Things

I Duffer Brothers puntano ad una stagione più oscura, dalle sfumature horror, quando i giovani protagonisti torneranno ad Hawkins. Una nuova avventura attende Stranger Things ed è forse la più ambiziosa realizzata finora. 

Stranger Things, la quarta stagione è la dimostrazione che cast e trama possono crescere di pari passo
Stranger Things

Quando la prima parte della quarta stagione di Stranger Things arriverà su Netflix, sappiate che di immaturo ci sarà ben poco. Così come i giovani protagonisti stanno cercando di affrontare al meglio il primo anno di liceo, gli autori hanno effettuato un update alla trama e le promesse decantate fino ad oggi non sono state vane. Perché la quarta stagione sarà molto più horror, dark e tremendamente superiore alle precedenti.

Stranger Things
Stranger Things

Il cast l’aveva anticipato e, per una volta, è piacevole poter confermare che è tutto vero. Siamo pur sempre ad Hawkins, dove gli eventi paranormali sono all’ordine del giorno, ma quanto accade nei nuovi episodi supera di gran lunga le storyline delle prime tre stagioni. Abbiamo visto la prima parte della stagione 4 di Stranger Things in anteprima, ma questo commento sarà privo di spoiler. Ci limiteremo a regalarvi qualche anticipazione e prepararvi a quello che accadrà una volta che Stranger Things apparirà sui vostri schermi.

Cosa dire della quarta stagione di Stranger Things: la trama

Della nuova trama possiamo raccontarvi di un nuovo personaggio: il suo nome è Eddie Munson ed è a capo dell’Hellfire Club. Appassionato di GDR, Eddie è il fondatore del club dedicato a Dungeons&Dragons e, nonostante abbia qualche anno di troppo per essere ancora al liceo, stringe amicizia con Mike, Dustin e Lucas facendo leva sul loro lato nerd. Si presenta sin da subito come un ragazzo sveglio, che non le manda a dire, piuttosto teatrale nei gesti come nelle parole, che non rinuncerebbe mai ad un momento gaming. Eppure dalla finzione molto presto si arriva alla realtà, perché sarà coinvolto in un nuovo, oscuro mistero. Lucas, nel frattempo, sta frequentando il gruppo dei cool kids, gioca a basket e non riesce a dividersi tra sport e nerd club.

Stranger Things
Stranger Things

Così come non riesce a coltivare come prima il suo rapporto con Max, che sta ancora digerendo la morte di Billy. Nancy e Jonathan invece sono impegnati in una relazione a distanza ma, con l’arrivo delle vacanze di primavera, nessuno dei due è disposto a correre incontro all’altro, intimoriti dalle scelte del futuro e dalle verità taciute. Steve, invece, ha cambiato lavoro e questa volta gestisce un negozio di noleggio DVD, sempre supportato dall’amica Robin. Undici, in California, non riesce a stringere amicizia con i suoi coetanei e viene spesso presa di mira. Will è l’unico a conoscere la verità ed è sempre presente per lei. A Mike, invece, scrive lettere ricche di bugie innocenti, ma quando il ragazzo la raggiunge per le vacanze di primavera scoprirà tutta la verità e in modo piuttosto cruento.

Le tematiche

Chi l’avrebbe mai detto che le vacanze di primavera potessero essere così intense? Non di certo Mike e Undici, che vivono ormai a distanza da quando la ragazza ha impacchettato i suoi pochi averi per seguire Joyce in California. Suo padre, Hopper, ha sacrificato se stesso per salvare Hawkins nel finale della terza stagione, eppure dal trailer sappiamo che l’ex sceriffo è ancora vivo. Tuttavia non sappiamo dove si trovi e del suo percorso non possiamo raccontarvi molto, se non che sarà estremamente coraggioso. Un po’ come, del resto, è questa stagione. I Duffer Brothers hanno alzato l’asticella con i nuovi episodi, ancor di più con la scelta di dividere la quarta stagione in due blocchi: il primo composto da sette episodi, il secondo dagli ultimi due.

Stranger Things
Eddie in Stranger Things

Sono diversi i temi che i protagonisti di Stranger Things dovranno affrontare nel corso degli episodi quali la paura, l’impotenza, la solitudine e il senso di rimorso. Ma l’adrenalina sarà fedele compagna di viaggio, soprattutto quando si scopre che il male è tornato ad Hawkins. O sarebbe meglio dire che non è mai andato via del tutto.

Il Sottosopra continua a regalare grossi scossoni alla cittadina, ma Undici è lontana e in più senza poteri. Ed è anche alle prese con i suoi demoni, come la nuova scuola e i bulli di turno che non le danno tregua. A differenza delle precedenti stagioni, nella quarta i protagonisti si ritroveranno a vivere gli ostacoli separatamente, soprattutto perché la storia è ambientata in luoghi differenti. La scuola, nonostante sia sempre un tema sociale lontano, nei nuovi episodi gioca una componente più valida, che permette ai personaggi di evolversi e crescere in un modo naturale e piuttosto credibile.

Perché la quarta stagione è la più ambiziosa finora

La prima stagione di Stranger Things è approdata su Netflix nel 2016. Da allora sono trascorsi sei anni e il cast è cresciuto sotto l’occhio della telecamera. Motivo per cui è stato necessario adattare il tono e lo stile narrativo ai loro cambiamenti fisici quanto caratteriali. Ma, oltre al cast, è cresciuta anche l’ambizione dei creatori. I Duffer Brothers hanno capito di aver raggiunto il punto in cui è possibile osare con un tono più oscuro, dalle sfumature dark e a tratti soft splatter, traendo ispirazione persino da grandi maestri del settore come Stephen King.

Stranger Things
Stranger Things

Ambizioso perché, mettendo da parte il passato, la narrazione si sviluppa su più livelli. Approfondisce micro aree e soprattutto cambia spesso location, seguendo gruppetti di personaggi per volta, dando modo ad ognuno di loro di aggiungere un tassello alla trama. Ed è così che la coralità riesce a sopportare il ritmo frenetico della quarta stagione. E non potrebbe essere Stranger Things senza il supporto musicale tipico degli Anni ’80. Preparatevi, perché ci sarà da ballare (e da correre).

https://youtu.be/hRULLkpxYzk

Moda, Lifestyle & Glamour

Nata ad Ischia, ha studiato a Salerno dove ora vive Editoria e pubblicistica. Ha vissuto quattro anni a Roma diventando giornalista pubblicista.
Appassionata di libri e di tutte le dinamiche dell'intrattenimento televisivo, soprattutto riguardo le serie TV. Si occupa di Moda, analizzando nel dettaglio i red carpet e le tendenze. Sul blog www.velvetgossip.it di VelvetMAG è curatrice di curiosità ignote ai più.