Dante Alighieri, misteri e verità sul “Sommo Poeta”

Riconosciuto come il Divino, il più grande della letteratura italiana, sulla sua vita aleggia un affascinante mistero

Parlando di Dante Alighieri gli si attribuisce come data di nascita il 29 maggio del 1265; ma tuttavia, su tale data non esiste certezza estrema. Si tratta di una data presunta; eppure tanti studiosi del “Sommo Poeta” hanno cercato di rintracciare la sua nascita, anche, seguendo le parole che l’autore del capolavoro, la Divina Commedia, scrisse nelle sue opere.

Dante Alighieri, misteri e verità sul “Sommo Poeta”
"Dante Alighieri and 'The Divine Comedy' " - painting (1465) by Domenico di Michelino - Santa Maria del Fiore Basilica in Florence

Definito il “Sommo Poeta” e padre della letteratura italiana, Dante Alighieri rappresenta uno degli scrittori più stimati nel mondo. Se le sue opere, inestimabile patrimonio letterario, sono conosciute e riconosciute con perizie di dettagli, sulla sua vita aleggia una sorta di mistero che rende la figura del ‘Divino Poeta’ ancora più affasciante.

Dante Alighieri
“Dante Alighieri and ‘The Divine Comedy’ ” – painting (1465) by Domenico di Michelino – Santa Maria del Fiore Basilica in Florence

Dante nasce a Firenze, su questo pare ci sia una confermata certezza; sulla data esatta della nascita, invece, esistono diversi dubbi. Il 29 maggio 1265 è una data presunta, ma diversi studi fanno pensare che Alighieri sia nato tra la fine di maggio e il 13 giugno. Certa resta, invece, la data della sua morte: Ravenna lunedì 14 settembre 1321. A scrivere le ultime parole nella vita del “Sommo Poeta” fu la malaria.

Dante, la sua vita ricostruita attraverso le opere

Riconosciuto, stimato ed apprezzato come tra gli scrittori più grandi che l’Italia abbia mai avuto l’onore di veder nascere, Dante Alighieri è l’autore di uno dei capolavori più apprezzati della storia della letteratura. La Divina Commedia, il testo dei testi, il patrimonio inestimabile, il viaggio allegorico più sublime che una piuma abbia mai potuto scrivere. Sulle opere del “Sommo Poeta” si sono avvicendati studi, analisi e critiche, attraverso i quali, in tanti hanno cercato di ricostruire la vita stessa di Dante. A tal proposito, ad esempio, il celebre incipit della Divina Commedia recita: “Nel mezzo del cammin di nostra vita…” questo ha fatto supporre che, quando Dante iniziò a scrivere l’Inferno avesse 35 anni; all’epoca, infatti, l’età media era di 70 anni.

statua Dante

Un altro aspetto interessante che emerge sulla vita del “Sommo Poeta“, leggibile attraverso le sue opere, è il suo segno zodiacale: I Gemelli. Le stelle, il Sole, la Luna, sono grandi protagonisti della letteratura di Dante. Marco Santagata nelle sue 20 finestre sulla vita di Dante sottolinea un aspetto estremamente affascinante; ovvero che gli astrologi dell’epoca sostenevano che se nella ‘casa’ dei Gemelli erano presenti anche Mercurio e Saturno, congiunzione verificatesi proprio nel 1265, i nati sotto quel segno avrebbero avuto eccellenti doti nella scrittura e straordinarie capacità intellettuali. Aspetti che, senza ombra di dubbio, non possiamo non ricondurre al ‘Divino Poeta‘.

Dante attraverso Boccaccio

Autore di opere straordinarie come Vita Nuova, Rime, il trattato in latino De Vulgari Eloquentia, Convivio e Monarchia è, forse, la Divina Commedia a rendere Dante il padre indiscusso della letteratura italiana. Del resto, volendo parlare del testo in ‘termini moderni’, potremmo dire che si presentò subito come un best-seller, letto, commentato e copiato a partire dalla sua prima diffusione intorno agli anni venti del XIV secolo; tale successo sempre crescente del capolavoro dantesco, portò ad un sempre più crescente interesse verso l’autore.

È il Trattatello in laude di Dante di Giovanni Boccaccio, la prima biografia dantesca della storia; in questo testo, il padre del Decameron scrisse: “Fu questo nostro poeta di mediocre statura, e, poi che alla matura età fu pervenuto, andò alquanto curvetto“. “Sempre nella faccia malinconico e pensoso“, scrive Boccaccio, restituendo l’immagine di un genio capace di parlare di amore e di morte, di riscatto e di peccato, con l’attitudine, forse, di chi coglie la vita nel suo aspetto malinconico, ma reale.

E quindi uscimmo a riveder le stelle

Ma di tanto genio e di tanta sensibilità deve essere dotato un uomo capace di ricostruire la visione di un mondo parallelo e sacro fatto di tormenti e lodi che rispecchiano la vita terrena. E di tanto amore deve essere dotato un uomo che parlando della sua amata Beatrice la descrive come una figura etera e divina; in grado di donar una “Dolcezza al core che ‘ntender no la può chi no la prova“. Dante celebra solennemente la sua amata e raccoglie tutte le vicende del suo amore nella Vita Nuova; in questa raccolta di sonetti Beatrice è una guida nobile di tutti gli animi gentili. Amore, spiritualità, ma anche storia e politica come in Monarchia.

Dante dipinto
Illustrazione “E guarirai da tutte le malattie..ed io, avrò cura di te”, (Dio smaterializza la struttura molecolare del Coronavirus COVID-19 sull’Italia e sul mondo per porre fine alla pandemia 2019-2020), china su graphia, opera dell’artista Giovanni Gui

Una genialità, che pochi altri hanno avuto nella storia della letteratura, che valica i confini del concreto, del materiale e del tangibile; uno spirito che attraversa le metafore della vita in quello splendido viaggio che passa attraverso l’Inferno, il Purgatorio e il Paradiso. E dopo aver viaggiato e scoperto e conosciuto, Dante ci riporta fuori, alla realtà: “E quindi uscimmo a riveder le stelle“.

  • Cultura, Ambiente & Pets

    Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura.
    Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.