Astronomia, scoperto pianeta grande come una super Terra

Ruota attorno alla stella Ross 508, situata a 36,5 anni luce da noi. È grande quattro volte il globo terrestre

Gli scienziati hanno scoperto un nuovo esopianeta: un pianeta esterno al sistema solare. Ruota attorno alla stella Ross 508 ed è grande quattro volte la Terra. 

Astronomia, scoperto pianeta grande come una super Terra
Rappresentazione artistica di una super-Terra. Foto Gabriel Pérez Díaz, SMM/IAC

La presenza del pianeta è emersa grazie all’osservazione dei movimenti quasi impercettibili che la stella Ross 508 compie a causa dell’attrazione gravitazionale esercitata dal pianeta che gli orbita intorno. Si tratta di una sorta di super Terra, dunque. Il primo esopianeta scoperto nell’ambito di una nuova indagine astronomica che è cominciata nel 2019. E che utilizza il telescopio Subaru alle Hawaii. Le osservazioni avvengono da quello che è l’Osservatorio Astronomico Nazionale del Giappone (Naoj). La ricerca è online sulla piattaforma arXiv, che accoglie articoli in attesa della revisione della comunità scientifica, ed è in via di pubblicazione sulla rivista della Società Astronomica del Giappone.

Pianeta Ross

La stella Ross 508, situata a soli 36,5 anni luce di distanza, è una nana rossa, molto più piccola e debole del nostro sole. Il pianeta appena scoperto, Ross 508 b (che viste le dimensioni è altamente probabile sia di tipo terrestre o roccioso), le orbita intorno ogni 10,75 giorni. Può sembrare quindi che il pianeta sia troppo vicino alla sua stella, ma a quella distanza la radiazione che lo colpisce è solo 1,4 volte quella che colpisce la Terra. Una caratteristica, questa, che lo colloca molto vicino al limite interno della zona abitabile. In ogni caso, è improbabile che la super Terra ospiti forme di vita, per lo meno come la conosciamo.

Pianeta ed esopianeti da scoprire

Ross 508 è una delle stelle più piccole e deboli con un pianeta in orbita individuato grazie al metodo della velocità radiale, noto anche come metodo Doppler. Quando l’astro si sposta leggermente verso di noi, la luce stellare che raggiunge la Terra si trova più sul blu, mentre quando si allontana, la luce si sposta verso il rosso. Questo suggerisce che le future indagini che utilizzeranno questa tecnica di osservazione avranno il potenziale per scoprire un vasto tesoro di esopianeti in orbita attorno a stelle deboli.

Telescopio Subaru
Esplorazione di immagini cosmiche del telescopio Subaru. Foto Twitter @SubaruTel_Eng

Dopo aver scoperto il pianeta attorno a Ross 508 con il telescopio Subaru, da aprile di quest’anno son entrati in gioco altri telescopi. In particolare il telescopio spaziale Tess. Si tratta di un potente strumento che consente di misurare il transito di Ross 508b davanti alla sua stella, e capire se possieda un’atmosfera. Il pianeta si trova molto vicino al margine interno della zona abitabile, e – anche se gli scienziati non pensano che questo sistema sia adatto alla vita – trovare e studiare l’atmosfera significherebbe poterlo caratterizzare. E comprendere qualcosa di più in vista dell’osservazione di sistemi più promettenti per la vita.

Spazio pianeta stelle

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.