Alchimia dell’amore, Valerie Breuleux a Forte dei Marmi omaggia Marilyn Monroe

La retrospettiva è visibile alla Oblong Contemporary Art Gallery fino al 22 luglio 2022

Si apre con un omaggio a Billie Eilish nelle vesti di Marilyn Monroe la mostra Alchimia dell’amore di Valerie Breuleux. L’esposizione sarà visitabile alla Oblong Contemporary Art Gallery di Forte dei Marmi fino al 22 luglio 2022 ad ingresso gratuito.

Alchimia dell’amore, Valerie Breuleux a Forte dei Marmi omaggia Marilyn Monroe

Valerie Breuleux, dopo la formazione a Villa Arson – Nizza – negli Anni Ottanta, ha intrapreso un processo creativo consistente nel frammentare e ingrandire le sue macrofotografie in bianco e nero, ricomponendole come pezzi di un puzzle, incollandole direttamente sulla tela (marouflage). Da allora, ha sviluppato una propria tecnica di trasferimento dell’immagine, in un approccio simile alla tecnica del monotipo.

Alchimia dell’amore la prima mostra di Breuleux al Forte

“Quando Billie Eilish si è presentata in nelle vesti di Marilyn al Met Ball 2021, mi ha dato l’ispirazione per produrre quest’opera. Qui si combinano gli ideali estetici con gli ideali di una giovinezza radiosa, che crede nel futuro del nostro mondo”. Così Valerie Breuleux presenta la sua prima mostra Alchimia dell’amore al Forte e racconta il perché del suo interesse per la Monroe. L’attrice è soggetto anche di un’ulteriore opera in mostra, Golden DreamL’immagine di Marilyn è stata usata eccessivamente, direi quasi logorata dall’uso nell’arte degli ultimi decenni. Tuttavia, secondo la mia visione artistica, Marilyn è diventata un concetto di «modello», allo stesso modo dell’Apollo del Belvedere o della Venere di Milo. Un ideale estetico, «l’oggetto del desiderio universale”.

La tecnica utilizzata per le opere

Le opere dedicate a Billie Eilish e a Marilyn sono realizzate, come tutte le altre esposte, con una speciale tecnica mista esclusiva dell’artista che unisce fotografia, pittura a olio, acrilico, alterazione e gocciolamento di polvere di metallo. Valerie Breuleux in Alchimia dell’amore lavora sugli stereotipi, sulle icone dello star system, sui feticci della cultura popolare. Archetipi femminili e maschili che condizionano la cultura identitaria della donna e dell’uomo nell’attuale società in cui si è sopraffatti dalle immagini.

opere di Valerie Breuleux

Le sequenze dei film che la Breuleux fotografa, per trasformarle in opere, nascondono il profondo desiderio dell’artista di recitare, di reagire, di non essere solo uno spettatore davanti ad un’immagine. Trasferendo la fotografia sulla tela l’artista si appropria in maniera frammentaria ma concreta delle immagini catturate nelle quali può rispecchiarsi e con le quali può, con la sua arte, far entrare nelle opere la fluidità delle sue stesse emozioni, come in una vera e propria catarsiche racchiude lo scenario di una narrativa personale, intima e silenziosa.

Alchimia dell’amore e i baci più famosi del cinema

Se il denominatore comune delle opere in Alchimie dell’amore di Valerie Breuleux è, come lei stessa afferma, “il desiderio di desiderare”, tutte le sue opere incarnano perfettamente questo concetto che, in particolare, è ben rappresentato in Bacio eterno, Red kiss, Golden dust. Tre tra i baci più appassionati e famosi della storia del cinema, sono rappresentati dall’artista quale reazione al distanziamento sociale imposto negli ultimi due anni. Nella prima opera si riconoscono Anita Ekberg e Marcello Mastroianni ne “La dolce vita”; nella seconda Faye Dunaway e Steve McQueen ne “Il caso Thomas Crown” mentre ,in Golden dust, si trovano, oltre i titoli già citati, “Via col vento” con Clark Gable e Vivien Leigh, “Cleopatra” con Liz Taylor e Richard Burton.

Opera di Valerie Breuleux

Il desiderio di desiderare si tinge anche di passione proibita e di sfacciata sensualità con l’opera La piscine, un omaggio alla cantautrice americana Lana del Reyche ha dedicato uno dei suoi brani più famosi Lolita al film “Lolita” di Kubrick tratto dal capolavoro di Nabokov. Valerie Breuleux presenta a Forte dei Marmi anche due opere inedite sempre tratte dal film di Kubrik. Un film che oggi compie sessant’anni e che vide la collaborazione tra il regista e lo scrittore nella realizzazione di un capolavoro cinematografico del capolavoro letterario.

Moda & Style

Giornalista di moda e costume, organizzatrice di eventi e presentatrice. Consegue la Laurea Magistrale in Comunicazione Istituzionale e d’Impresa all’Università “La Sapienza” di Roma. Muove i primi passi lavorativi con gli eventi per il Ferrari Club Italia, associazione di possessori di vetture Ferrari. Da oltre quindici anni è il Direttore Eventi della Coffee House del prestigioso museo Palazzo Colonna a Roma; a cui di recente si è aggiunto quello di Direttore Eventi della Galleria del Cardinale Colonna. Ha organizzato e condotto molte sfilate di moda per i più importanti stilisti italiani. Come consulente è specializzata nella realizzazione sia di eventi aziendali, sia privati. Scrive di moda, bon ton (con una sua rubrica), arte e spettacolo. Esperta conoscitrice dei grandi nomi della moda italiana, delle nuove tendenze del Fashion e del Made in Italy. Cura anche la rubrica di Velvet dedicata al Wedding.