Il celebre bacio di tra Liz Taylor e Burton diventa un NFT

Lo scatto immortale tra la diva dagli occhi viola e il celebre attore aveva ufficializzato la loro storia e ora sarà un filmato che finirà all’asta

La sequenza del bacio tra Liz Taylor e Richard Burton ad Ischia ha scritto una pagina importante del divismo hollywoodiano e ora diventa un video. L’inedito filmato, realizzato dalla Marcello Geppetti Media Company con negativi originali e tecniche di morphing, verrà messo all’asta su ItaliaNFT.

Il celebre bacio di tra Liz Taylor e Burton diventa un NFT
Taylor Burton 001

Era 18 giugno del 1962 quando Marcello Geppetti sorprese Elizabeth Taylor Richard Burton a baciarsi sul tetto di un motoscafo a Ischia. Si trattava dell’ultimo giorno delle riprese italiane di Cleopatra. Quella foto fece il giro del mondo e ridefinì il concetto di passione, creando una vera tempesta nelle vite private e pubbliche dei due attori e alimentando un fortissimo dibattito nell’opinione pubblica. Inoltre, contribuì a ufficializzare la relazione tra i due divi dell’epoca.

Burton e Taylor
Taylor Burton 001

Uno scoop mondiale che rinasce oggi grazie a sofisticate tecniche di morphing applicate ai negativi originali. Quello scatto diviene dunque un filmato realistico ad alta risoluzione in grado di rendere il pubblico spettatore dell’evento. Ma non solo. Grazie a ItaliaNFT, primo marketplace dedicato alla valorizzazione dei beni digitali del Made In Italy, questo filmato inedito diventa anche un NFT acquistabile all’asta. Il risultato è un’operazione straordinaria che crea il primo scoop “digitale” della storia aprendo una nuova frontiera per la Digital Art applicata agli archivi.

Liz Taylor e Richard Burton: la storia del bacio dello scandalo

Nel giugno del 1962 Marcello Geppetti scattò la foto che “costrinse” Richard Burton a sposare Liz Taylor. A largo delle coste di Ischia, Geppetti immortalò il momento che Il New York Post pone al primo posto tra le “7 most legendary Paparazzi photos”. “Solo i fotografi credevano a questa storia, perché solo i fotografi sapevano la verità e non era pubblicità per il film” ha dichiarato Geppetti in un’intervista.

Siamo in un caldo giugno del 1962 e la “Dolce Vita” va rapidamente scemando. Ormai le agenzie fotografiche e i paparazzi fanno fatica a trovare argomenti di interesse. Liz Taylor è a Roma per girare Cleopatra, lo sfortunato supercolossal a sfondo storico, ad oggi tra i film più costosi della storia (44 milioni di dollari, ma calcolando l’inflazione, il budget si aggirerebbe ad oggi sui 300 milioni). A interpretare il ruolo di Marco Antonio, c’è Richard Burton, gallese, buon attore di teatro e poco avvezzo alla mondanità. Nonostante sia a Roma con moglie e figli, Burton non riesce a resistere al fascino dell’attrice e si trova invischiato in una vicenda di passione e sentimenti incontrollabile. È l’occasione giusta per i paparazzi. L’assedio comincia e i due sono braccati ovunque.

Taylor e Eddie Fisher
Marcello Geppetti

Geppetti, a largo delle coste di Ischia, coglie l’attimo e scatta quella che diventerà la foto più preziosa del suo archivio. Richard Burton per bloccare la pubblicazione propone al fotografo 12.000.000,00 di lire, più di 150.000 euro. Ma la sua risposta fu irremovibile «No, lavoro per la stampa, non per i privati».

Una delle foto più pagate di sempre diventa un NFT unico al mondo

Il bacio tra Liz Taylor e Richard Burton immortalato da Geppetti è una delle foto più pagate e iconiche della storia della fotografia e, di fatto, segna la fine della Dolce vita vera e propria, almeno quanto la foto di Secchiaroli dello spogliarello di Aïché Nana, ne segnò l’inizio. Da un calcolo della famiglia, lo scatto fruttò circa 30 milioni delle vecchie lire, una cifra che oggi si aggirerebbe sui 400 mila euro.

L’innovazione portata in dote dalla Blockchain e la collaborazione fra la Marcello Geppetti Media Company e ItaliaNFT consente ora di rilanciare quello scoop sottoforma di NFT. Se la società che gestisce e della valorizza l’archivio fotografico di Marcello Geppetti ha lavorato sulla generazione di un video inedito attraverso l’elaborazione in computer grafica della sequenza degli scatti originali, ItaliaNFT ha presieduto a tutta la fase di minting sulla Blockchain necessaria per autenticare l’opera. In questa nuova forma, il “bacio immortale” diventa un contenuto digitale unico e originale che sarà disponibile all’asta su ItaliaNFT a partire dal 18 giugno.

La rinascita digitale di uno dei più grandi scoop hollywoodiani

“La rinascita del bacio immortale sotto forma di NFT video rappresenta un momento storico non solo per il mondo dei non fungible token ma per tutto il Made In Italy perché attesta una volta per tutte le potenzialità degli NFT nel dare nuova vita al patrimonio artistico e culturale presente nel nostro Paese”, commenta Achille Minerva, CEO e fondatore di ItaliaNFT. “La qualità e il significato storico delle foto di Marcello Geppetti, i progressi delle tecnologie di computer grafica e l’inviolabilità garantita da una piattaforma granitica basata su Blockchain rappresentano un modello vincente per portare le eccellenze di questo tipo nella nuova era del valore digitale”.

Burton e Taylor
Marcello Geppetti

Con il drop del bacio immortale ItaliaNFT prosegue nel suo percorso di penetrazione nel mondo delle eccellenze italiane. La piattaforma, lanciata a fine 2021, ha già ospitato alcuni grandi firme del panorama artistico e gli NFT esclusivi del Giro d’Italia e realizzerà nei prossimi mesi nuove collezioni NFT per valorizzare i capolavori della cultura, del cinema, della letteratura, della musica, dello sport e della produzione sul territorio italiano. Con uno sguardo in una nuova dimensione: quella che combina l’originalità delle opere con l’innovazione digitale basata su Blockchain.

Cinema e tv

Romano, dopo la laurea triennale in Dams presso l’Università degli Studi Roma Tre, si è poi specializzato in Media, comunicazione digitale e giornalismo alla Sapienza. Ha conseguito il titolo con lode, grazie a una tesi in Teorie del cinema e dell’audiovisivo sulle diverse modalità rappresentative di serial killer realmente esistiti. Appassionato di cinema, con una predilezione per l’horror nelle sue molteplici sfaccettature, è alla ricerca costante di film e serie tv da aggiungere all’interminabile lista dei “must”. Si dedica alla produzione seriale televisiva con incursioni sui social.