CinemaPrimo piano

Johnny Depp torna in Pirati dei Caraibi? Maxi accordo da 300 milioni: cosa succede

Dopo la fine del processo contro Amber Heard che lo ha visto uscirne da vincitore, Disney starebbe facendo carte false per riaverlo

Dopo la fine del processo, la Disney vorrebbe nuovamente Johnny Depp in Pirati dei Caraibi e sarebbe pronta a sborsare una cifra record. Stando al Daily Mail, il divo hollywoodiano potrebbe perciò ritornare nei rinomati panni di Jack Sparrow e avere addirittura una serie tv tutta sua.

Se n’era già parlato diverso tempo fa e ora ci ha pensato il Daily Mail a riportare in auge il rumor, che sembra sempre più gettare le basi per una trattativa vera e propria. Dopo l’esito a suo favore nel processo che lo ha visto scontrarsi contro l’ex moglie Amber Heard, Johnny Depp è al centro dell’attenzione. In particolar modo lo è la sua carriera, stroncata dall’ormai famigerato articolo, firmato dall’attrice di Aquaman, sul Washington Post. Dopo essere stato licenziato dalla produzione del sesto capitolo di Pirati dei Caraibi e fatto fuori dal terzo film della saga di Animali Fantastici, il divo è stato ostracizzato prima ancora che il verdetto fosse emesso. E ora, è Hollywood stessa a tornare indietro sui suoi passi. Ma a che prezzo. Pare infatti che Disney non voglia rinunciare in alcun modo al Capitan Jack Sparrow e sia pronta a sborsare una cifra da record.

Johnny Depp come Jack Sparrow in Pirati dei Caraibi
Ansa

Il dietrofront di Disney è sempre più certo: Johnny Depp sarà ancora Jack Sparrow?

Dal 2018, la carriera di Johnny Depp ha subito un duro contraccolpo, per via delle denunce di Amber Heard. L’attrice, celebre per il ruolo della principessa Mera con la sua irrinunciabile chioma rossa alla Jessica Rabbit, ha denunciato l’ex marito per abusi domestici, avviando una lunga battaglia legale giunta finalmente al termine. Nonostante la giuria si sia espressa a favore dell’interprete 59enne, quest’ultimo ha subito una gogna mediatica ben prima del verdetto definitivo. Il tutto, aggravato dalle posizioni prese dalla Disney, che lo ha sbattuto fuori dal sesto capitolo di Pirati dei Caraibi, ufficialmente per il flop del film precedente.

Johnny Depp e Amber Heard
Ansa

Una mossa non apprezzata dal divo che, in occasione dell’interrogatorio durante il processo, ha ammesso che non sarebbe voluto tornare. Nel dettaglio, Ben Rottenborn, avvocato di Amber Heard, aveva domandato: “Se la Disney venisse da lei con 300 milioni di dollari e un milione di alpaca, niente al mondo la indurrebbe a tornare a lavorare con la Disney in un film dei Pirati dei Caraibi, corretto?” Dal canto suo, Johnny Depp ha dato una risposta affermativa, confermando la sua intenzione di non voler tornare più nel franchisee.

Johnny Depp
Ansa

Il Daily Mail ha però rispolverato l’indiscrezione riportata da un insider della Disney su Poptopic. L’ex dirigente della casa di produzione aveva difatti ammesso: “Credo assolutamente che dopo il verdetto ‘Pirates’ sia pronto a ripartire con Johnny di nuovo a bordo nei panni del Capitano Jack. Semplicemente c’è troppo potenziale per un boom al botteghino per tale personaggio così amato e profondamente radicato nella cultura Disney”. Secondo il tabloid inglese, Johnny Depp sarebbe dunque in trattative con la casa di produzione per un contratto di circa 301 milioni di dollari. Che il divo hollywoodiano sia pronto a lasciarsi dietro tutti i dissapori con la major?

Lorenzo Cosimi

Cinema e tv

Romano, dopo la laurea triennale in Dams presso l’Università degli Studi Roma Tre, si è poi specializzato in Media, comunicazione digitale e giornalismo alla Sapienza. Ha conseguito il titolo con lode, grazie a una tesi in Teorie del cinema e dell’audiovisivo sulle diverse modalità rappresentative di serial killer realmente esistiti. Appassionato di cinema, con una predilezione per l’horror nelle sue molteplici sfaccettature, è alla ricerca costante di film e serie tv da aggiungere all’interminabile lista dei “must”. Si dedica alla produzione seriale televisiva con incursioni sui social.

Back to top button