LibriPrimo piano

A Mario Desiati il Premio Strega 2022. Con “Spatriati” batte Claudio Piersanti

La cerimonia si è svolta ancora una volta nella cornice del Ninfeo di Villa Giulia di Roma: la classifica dei sette finalisti della 76esima edizione vede "Quel maledetto Vronskij" al secondo posto

Il Premio Strega 2022 ha scelto il suo vincitore e non è stato un compito facile, considerando che in gara, per la prima volta, c’erano sette finalisti. Il riconoscimento letterario va a Mario Desiati con Spatriati.

Quest’anno il Premio Strega ha avuto una sfida in più: scegliere tra sette titoli finalisti. Un numero record mai proposto finora, che ha reso la finalissima ancor più ambita per i sette scrittori selezionati nella seconda fase del premio letterario. Ma soltanto uno è stato il vincitore e il suo nome non è stata neppure una grande sorpresa. Perché sì: tutti immaginavano che avrebbe trionfato Mario Desiati. Il suo Spatriati, pubblicato da Einaudi, è stato il più quotato alla vittoria ancor prima della cerimonia finale.

Premio Strega 2022
Premio Strega 2022. Crediti: Instagram

La 76esima edizione del premio letterario più ambito d’Italia si è svolta, come da tradizione, presso la cornice suggestiva del Ninfeo di Villa Giulia di Roma. A presentare i sette candidati Geppi Cucciari in diretta televisiva su Rai 3 il 7 luglio 2022. Ogni anno, il Premio riconosce un vincitore a cui spetta la gloria e, per l’edizione 76, Mario Desiati ha trionfato con Spatriati. Di seguito la classifica dei sette finalisti e il numero dei voti.

Premio Strega 2022, il vincitore e la classifica dei finalisti

Favorito sin dall’inizio, il trionfo di Mario Desiati non ha destato particolare scalpore, ma è stata una grande conferma per il pubblico che ha atteso da mesi la finalissima. Il termine Spatriati, da cui prende nome il romanzo, è tratto dal dialetto martinese e significa irregolare. L’autore, del resto, è originario di Martina Franca e dedica il suo romanzo vincitore ad Italia e Germania, ambientandolo tra la sua Puglia e Berlino.

Premio Strega 2022
Premio Strega 2022. Crediti: Instagram

La storia raccontata è quella di Francesco e Claudia, che l’autore definisce appunto due “irregolari”. Francesco è insicuro e si fa contagiare dalle oppressioni sociali al punto da non essere mai se stesso. Claudia invece è uno spirito ribelle, le piace sperimentare ed è ragazza aperta. Sono amici sin dall’infanzia, ma una volta adulti Claudia sceglie di lasciarsi la Puglia alle spalle e si trasferisce dapprima a Londra, poi Milano e infine Berlino. Francesco invece resta in Puglia e vive attraverso i racconti della sua amica.

Premio Strega 2022
Premio Strega 2022. Crediti: Instagram

Spatriati ha vinto il Premio Strega 2022 con 166 voti. Per Mario Desiati si tratta di un ben gradito ritorno in finale dopo che aveva partecipato al premio letterario nel 2011 con il romanzo Ternitti. All’epoca, però, non aveva vinto. Al secondo posto della 76esima edizione si classifica Claudio Piersanti con Quel maledetto Vronskij che guadagna 90 voti. Alessandra Carati con E poi saremo vivi si classifica al terzo posto con 83 voti, mentre Veronica Raimo con Niente di vero guadagna 62 voti. Al tempo stesso, l’autrice ha già guadagnato il Premio Strega giovani 2022 e Strega Off con il suo romanzo. Marco Amerighi va al quinto posto con Randagi che guadagna 61 voti. Infine al sesto posto arriva Fabio Bacà con Nova che incassa 51 punti, mentre all’ultimo posto si posiziona Veronica Galletta: Nina sull’argine ha guadagnato 24 voti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Il Premio Strega (@premiostrega)

Cristina Migliaccio

Moda, Lifestyle & Glamour

Nata ad Ischia, ha studiato a Salerno dove ora vive Editoria e pubblicistica. Ha vissuto quattro anni a Roma diventando giornalista pubblicista.
Appassionata di libri e di tutte le dinamiche dell'intrattenimento televisivo, soprattutto riguardo le serie TV. Si occupa di Moda, analizzando nel dettaglio i red carpet e le tendenze. Sul blog www.velvetgossip.it di VelvetMAG è curatrice di curiosità ignote ai più.

Back to top button