NewsPrimo pianoSportVideo e Social

Tennis, Sinner trionfa ad Umago in rimonta su Alcaraz

Il n.1 d'Italia sconfigge in tre set sulla terra rossa Croata il baby fenomeno spagnolo che oggi vanta la posizione n.4 del ranking mondiale

Sinner si iscrive nella lista delle bestie nere italiane di Alcaraz. Dopo Berrettini, Sonego e Musetti, anche il n.1 d’Italia sconfigge in tre set sulla terra rossa di Umago il baby fenomeno spagnolo che oggi vanta la posizione n.4 del ranking mondiale.

Il tie-break che aveva visto trionfare per soli due punti di differenza Carlos Alcaraz aveva fatto temere il peggio. Ma nel secondo e nel terzo parziale abbiamo visto Jannik Sinner solidissimo e implacabile. In Croazia ha mostrato la sua nuova forza mentale: ha annullato ben cinque break point all’inizio del secondo set e ha travolto il murciano con un doppio 6-1.

Da sinistra: Sinner e Alcaraz (@ANSA – EPA/ANDY RAIN ) Alcaraz

Una serie di soddisfazioni a catena. Perché ha sconfitto il detentore del trofeo – che lo scorso anno vantava il ranking n.73 proprio nella vittoria in terra croata e che oggi è appena fuori dal podio – e per la mini striscia contro questo Alcaraz che spaventa tutti, oggi sulla terra, l’ultima invece sull’erba di Wimbledon. L’appena 19enne talento spagnolo che vanta ben cinque titoli – di cui due Mille, Miami e Madrid – solo quest’anno ha già collezionato cinque finali. Ad Amburgo una manciata di giorni fa era stato Lorenzo Musetti, ora in Croazia è stato Sinner, a batterlo che consolida la sua decima posizione in top-ten a 450 punti di distanza dal n.9 Felix Auger-Aliassime.

Sinner: “Ho avuto momenti duri quest’anno, ora spero nella stagione americana

E’ innegabile il peso della vittoria di ieri. Per il blasone e il terrore che sparge il baby hulk iberico, erede disegnato di Rafael Nadal, ma anche per la superficie. Se sull’erba dei Championship Alcaraz può dirsi non ancora perfettamente a suo agio, sulla terra ha già vinto e non poco, e lo scorso anno proprio in Croatia.

@ANSA – EPA/ANDY RAIN

L’equilibrio del primo set, giocato punto a punto, dallo spagnolo con la solita aggressività e velocità contro un Sinner, potente, preciso e mai arrendevole. Un match vinto sul campo, ma soprattutto di testa, con i sei giochi di fila nel secondo set, che hanno completamente ammutolito Alcaraz. Nel terzo parziale il discorso non cambia: Sinner stradomina e ad Alcaraz non resta che digerire una nuova sconfitta – italiana – in un match che sa di futuro di questo sport, in quest’era di transizione in cui stanno lasciando le grandi glorie del tennis.

@ANSA – EPA/ANDY RAIN

Il quasi 21enne altoatesino, attuale n.1 d’Italia – complice anche l’affaire punti e il Covid di Berrettini a Wimbledon – a fine match ha ricordato i “momenti non facili nel 2022“: dal cambio di allenatore alle critiche per alcune sconfitte, (n.d.r.). Quest’anno è il primo titolo in bacheca su 7 totali. “Grazie al lavoro duro siamo arrivati a questo punto. Ora spero di fare bene nella stagione americana“. Grande l’accoglienza ricevuta da Sinner durante tutto il torneo, pieno di italiani, che ha ringraziato nel discorso d’onore: “Abbiamo vinto tutti insieme” – ha dichiarato come potete vedere nel video qui sotto di Tennis.TV.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Tennis TV (@tennistv)

Ettore Mastai

Redazione interna - Esteri, Economia, Arte, Sport

Giornalista professionista specializzato in politica estera ed economia. Si è laureato con lode nel 2007 con una tesi sulla rivoluzione Khomeinista. Negli anni dell'università ha coltivato la sua passione per la scrittura sportiva e per i temi del gambling. Per l'agenzia di stampa nazionale AGV News-Il Velino ha curato la sezione di Giochi e Scommesse e di Ippica e dintorni. Spesso si è occupato anche di politica nazionale in relazione ai suoi campi di azione giornalistica.

Back to top button