11 settembre, 17 anni dopo ecco il filmato restaurato dell’attacco alle Torri Gemelle [VIDEO]

Oggi, martedì 11 settembre 2018, è il diciassettesimo anniversario dell’attacco terroristico alle Torri Gemelle. A distanza di 17 anni dall’attentato che cambiò per sempre gli Stati Uniti d’America ed il mondo intero, Mark LaGanga, allora operatore della Cbs (che quel giorno si recò sul posto con la sua telecamera), ha pubblicato su Youtube un filmato inedito e restaurato della vicenda. Nel filmato, che dura poco meno di 30 minuti (qui una breve clip), si vede quanto successo immediatamente dopo l’attentato: i soccorsi in azione, la gente che si allontana impaurita, la cenere ed i detriti che avvolgono tutto e tutti. “È venuto tutto giù, è un inferno”, racconta un soccorritore. “Sta per crollare tutto anche qui”, gli dicono altri. In pochi giorni dalla sua pubblicazione (che risale al 31 agosto 2018), il video è ad un passo dal toccare quota 10 milioni di visualizzazioni (è a 9 milioni 945 mila).

Diciassette anni dopo l’attentato che provocò la morte di quasi tremila persone a New York, la ‘Grande Mela’ ha deciso di riaprire la stazione della metropolitana alla fermata Cortlandt Street World Trade Center, che andò completamente distrutta nell’attacco terroristico e che ora rivive con un mosaico in marmo bianco dell’artista Ann Hamilton. “L’apertura di WTC Cortlandt rappresenta una pietra miliare nella ricostruzione e nella crescita di Donwtown Manhattan. È più di una nuova stazione della metropolitana, è il simbolo della determinazione dei newyorkesi nel ripristinare e migliorare l’intero sito del World Trade Center”, ha dichiarato il presidente della Mta (Metropolitan Transportation Authority) Joseph Lhota. Grazie a questi lavori, iniziati nel 2015, la città di New York ha completato la ricostruzione del sito iniziata con il Memorial 9/11, la Freedom Tower e Oculus (il complesso disegnato dall’architetto Santiago Calatrava). Il primo passaggio del treno che ha fatto sosta alla nuova stazione di Cortland Street è stato accolto dal saluto di centinaia di persone.

Photo credits: Twitter

Video credits: Youtube Mark LaGanga

Comments

comments