Uova di Pasqua, al via i controlli dei Nas in tutta Italia

A Pasqua ognuno di noi ha modo di mangiare il buon cioccolato delle uova di pasqua. Lo si trova disponibile in commercio bianco, fondente, al latte, con nocciole, e in molte altre varianti.

Ma se vi dicessimo che quello che comprate (o avete già comprato) non è cioccolato di buona qualità?

Irregolarità in tutta Italia, al via i controlli dei Nas

Come accade ogni anno di consueto, il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, in accordo con il Ministero della Salute, dà il via a una serie di controllo sui prodotti tipici della pasqua.

Il procedimento, che interessa tutti i beni di prima necessità e non solo connessi alle festività pasquali (carne, colombe, dolci, uova di cioccolata, ecc...), è stato messo in atto con 862 ispezioni, eseguite in diverse parti d’Italia.

I risultati, però, non sempre sono stati incoraggianti, dal momento che su 862 campioni, ben 337 hanno presentato delle irregolarità, con contestazione di 4590 violazioni penali e amministrative, per un ammontare di circa 430 mila euro di sanzioni pecuniarie e il sequestro di merce per un totale di 273 tonnellate.

Il valore della merce sequestrata si aggira sui 2 milioni di euro. Ma questo non è nulla se lo si rapporta al danno che questi cibi avrebbero causato alla salute se non fossero stati ritirati.

Uova di cioccolato scadute nel casertano

E a proposito di alimenti dannosi ritirati dal commercio, è di poche ore fa la notizia del sequestro di quasi 6000 uova di cioccolato sequestrate nel casertano da parte dei Nas.

I prodotti, infatti, provenienti da un’unica ditta, erano conservati in pessime condizioni igienico-sanitarie.

Le uova erano esposte al sole e alle intemperie. In questo modo si alterano in negativo le proprietà del cioccolato e aumentando i rischi per la salute dei consumatori.

Nella stessa azienda sono state ritirate anche 2338 etichette contenenti indicazioni ingannevoli, il tutto per un valore totale di circa 80 mila euro.

Comments

comments