"
Lifestyle

Dai telai dell’Antico Setificio Fiorentino nasce l’abito della rinascita italiana [ESCLUSIVA]

Un simbolo di rinascita, speranza e positività, realizzato grazie alla straordinaria opera dell’alta moda Made in Italy, precisamente toscana. Parla infatti fiorentino l’abito tricolore “Florentia“, creato attraverso i telai dell’Antico Setificio Fiorentino. 

Un’originale creazione di haute couture che Elisabetta Bardelli Ricci, General Manager dell’Antico Setificio di Firenze ha ideato insieme a Eleonora Lastrucci, stilista di Prato.

Gli antichi telai quindi riprendono vita, dopo l’arresto dovuto al lockdown. Gli ingranaggi hanno lavorato per l’alta moda, creando un abito omaggio alla Patria dell’eccellenza del fatto a mano.

L’Antico Setificio Fiorentino al servizio dell’alta moda femminile: un omaggio al Made in Italy

L’Antico Setificio Fiorentino torna ad occuparsi di moda, ma questa volta per l’universo femminile. Dopo le importanti collaborazioni con Roberto Capucci e le giacche uomo da cocktail realizzate dalla Stefano Ricci, azienda proprietaria della storica fabbrica di tessuti, i lampassi, i damaschi e i taffetà tornano a vestire le donne. Elisabetta Bardelli Ricci lancia una nuova sfida, sviluppando insieme all’amica Eleonora Lastrucci, abiti d’alta moda femminili. Delle vere e proprie opere d’arte realizzate da sapienti mani. Un omaggio al Made in Italy, al Made in Florence, ma soprattutto alla forza di essere donne. Un augurio per una felice ripartenza per tutto l’artigianato e per Firenze, uniti in nome dell’eccellenza italiana.

“Florentia”, l’abito ispirato al giglio, simbolo di Firenze

L’abito “Florentia” rappresenta un campo di fiori, interamente realizzato a mano, e prende il nome dall’antico tessuto. Un materiale particolarissimo, il Lampasso Iris Florentia. Questo lampasso viene ancora oggi realizzato dall’Antico Setificio Fiorentino con un telaio originale del milleottocento. Protagonista è il giglio, simbolo di Firenze, ma anche della purezza e della regalità d’animo.

Il commento della stilista Eleonora Lastrucci per VelvetMag

“L’idea dell’abito “Florentia” nasce in sintonia con Elisabetta Bardelli Ricci, proprio durante la quarantena. Non volevamo stare ferme. Abbiamo creato un vestito ispirato ad un fiore. La voluminosa gonna è data dalla sovrapposizione di più rose fra loro.

Il corpetto è molto prezioso e rappresenta il giglio di Firenze, per sottolineare la nostra territorialità e l’importanza del Made in Italy nel mondo. Sono stati utilizzati più di cento metri di tessuto in seta per la creazione. Nel sottogonna c’è un tulle molto rigido di rose, il corpetto è scollato per dare un effetto di sensualità.

Porterò la creazione a fine giugno in laguna a Ca’ Sagrado, al fine di rilanciare il turismo italiano, e successivamente anche al Festival del Cinema di Venezia. “Florentia” ritornerà poi all’Antico Setificio Fiorentino, dove resterà esposto su un manichino del 1969. L’abito è già richiesto da una sposa in versione total white.”

L’Antico Setificio Fiorentino celebra l’ingegno e la creatività femminile

Persino Veronica Berti, moglie di Andrea Bocelli, e Martina Arduino, prima ballerina del Teatro alla Scala, indossano abitualmente le creazioni della Lastrucci. Abiti sofisticati e romantici, che sono stati scelti anche da diverse celebrity internazionali per il red carpet del Festival di Cannes.

L’iniziativa dell’Antico Setificio Fiorentino, acquisito nel 2010 dalla Stefano Ricci S.p.A., dimostra la capacità di collaborazione delle donne, che sanno creare ed innovare, unendo le differenti realtà e competenze artigiane verso la ripresa. Un augurio per un futuro luminoso per l’intero comparto moda italiano.

 

Leggi anche: ARMANI CELEBRA “SOUVENIR DE CANNES”, IL DECENNALE SULLA CROISETTE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Elena Parmegiani

Moda & Style

Giornalista di moda e costume, organizzatrice di eventi e presentatrice. Consegue la Laurea Magistrale in Comunicazione Istituzionale e d’Impresa all’Università “La Sapienza” di Roma. Muove i primi passi lavorativi con gli eventi per il Ferrari Club Italia, associazione di possessori di vetture Ferrari. Da più di dieci anni è il Direttore Eventi della Coffee House del prestigioso museo Palazzo Colonna a Roma. Ha organizzato e condotto molte sfilate di moda per i più importanti stilisti italiani. Come consulente è specializzata nella realizzazione sia di eventi aziendali, sia privati. Scrive di moda, bon ton (con una sua rubrica), arte e spettacolo. Esperta conoscitrice dei grandi nomi della moda italiana, delle nuove tendenze del Fashion e del Made in Italy. Cura anche la rubrica di Velvet dedicata al Wedding.

Back to top button
Privacy