"
Viaggi

Al via la mostra sulle monete preziose appartenute a Luigi XIV al Museo dei Francobolli e delle Monete di Montecarlo

Dal 22 al 25 ottobre 2020 l'esposizione intitolata "Il Principato di Monaco e il commercio con il Levante ai tempi dei luigini (XVII secolo)”

A Montecarlo la cultura, nonostante il covid-19, è più viva che mai. Parte infatti proprio da oggi, giovedì 22 e prosegue fino al 25 ottobre 2020, la mostra temporanea intitolata “Il Principato di Monaco e il commercio con il Levante ai tempi dei luigini (XVII secolo)”. La retrospettiva è allestita presso il Museo dei Francobolli e delle Monete del Principato. Sarà possibile ammirare, solamente per quattro giorni, delle monete incredibilmente rare e preziose risalenti persino all’epoca di Luigi XIV. Un’occasione unica per tutti gli appassionati di numismatica e non solo. L’esposizione ripercorrerà il sodalizio tra Montecarlo e l’Impero Ottomano. Non mancherà anche una sezione dedicata ai documenti d’archivio e ai libri d’epoca.

Al Museo dei Francobolli e delle Monete di Montecarlo rivivono i fasti del regno di Luigi XIV

Durante questo periodo i Principi Onorato II e Luigi I furono gli artefici più intraprendenti di una politica economica e commerciale intrapresa e sviluppata in sinergia con l’Impero ottomano. Il regno allora era chiamato il Levante, oggi ridotto alla Turchia. Il Principe Onorato II di Monaco, infatti, strinse dei forti e solidi legami commerciali con le autorità del Levante. Ciò avvenne ancor prima della fine della guerra franco-spagnola, sancita dalla Pace dei Pirenei nel 1659. Dal 1662, Colbert, che era succeduto a Nicolas Fouquet alla carica di Ministro francese delle Finanze, organizzò un particolare e produttivo sistema economico.

Ciò portò la Principessa di Dombes, cugina di primo grado di Luigi XIV, e il Principe Luigi I di Monaco, ad intrecciare una stretta alleanza. I reali, infatti, emisero le monete, presenti in mostra al Museo dei Francobolli e delle Monete, necessarie alle transazioni e agli scambi commerciali. La realtà superò poi gli obiettivi perseguiti dagli ideatori dell’iniziativa.

lustrazione: Tallero detto “alla Fenice” di Onoraro II, noto a due esemplari (Museo dei Francobolli e delle Monete e Gabinetto delle medaglie di Marsiglia), coniato per il Levante indubbiamente per il matrimonio del futuro Luigi I.

I turchi rimasero colpiti dalle monete che raffiguravano la Principessa de Dombes

Proprio per questo motivo le sopravvalutarono e le pagarono fino a due volte il loro valore d’emissione, trasformandole così in merce. Di conseguenza, Luigi I di Monaco e poi alcuni signori genovesi e toscani fecero coniare in massa milioni di monete d’argento, poi denominate luigini, che riportavano ritratti oltraggiosamente imitati di quello della Principessa de Dombes. Alcuni speculatori imbrogliarono addirittura sul peso delle monete e sulla loro imitazione per massimizzare i guadagni. Questa proliferazione di luigini (monete false) di pessima qualità portò a proibirne la circolazione sotto le autorità ottomane, precisamente nel 1669 e nel 1670. Se volete scoprire di più, non perdete quindi la mostra al Museo dei Francobolli e delle Monete di Montecarlo. L’esposizione mira a riportare in auge ai giorni nostri questa singolare storia.

Di recente progettazione, il Museo custodisce rarità filateliche della storia postale di Montecarlo, nonché tutti i documenti che sono serviti per stampare i francobolli dal primo “Charles III” del 1885 ai giorni nostri.
Il Museo dei Francobolli e delle Monete è aperto tutti i giorni dalle 10 alle 17, fino alle 18 nei mesi di luglio e agosto. Qui è possibile reperire gli articoli filatelici e monetari disponibili creati dal Principato.

Il Museo dei Francobolli  delle Monete fu creato dal Principe Ranieri III nel dicembre 1995

La struttura museale si trova a Fontvieille accanto all’Espace Léo Ferré, ed è aperta al pubblico dal gennaio 1996. Ogni due anni il Museo accoglie la manifestazione mondiale “MONACOPHIL”, che raduna i filatelici più prestigiosi al mondo. I primi francobolli monegaschi presero vita nel 1885 dal Principe Carlo III. All’epoca il Principato era membro dell’Unione Postale Universale, e la sua filatelia si rifaceva alla Convenzione di vicinato stilata con la Francia il 9 novembre 1865, in virtù del trattato del 2 febbraio 1861.

Le prime monete monegasche vennero create nel gennaio 1640 dal Principe Onorato II. Vennero coniate rifacendosi al sistema nizzardo del Duca di Savoia. Nell’ottobre 1643 Luigi XIV concesse a Onorato II la possibilità di poter fare circolare liberamente in Francia le sue monete d’oro e d’argento, a condizione che si allineassero sulle monete francesi equivalenti. Questa regola arrivò nel 1865 per tutte le monete monegasche, fino all’introduzione dell’euro, il 1° gennaio 2001. Oggi gli euro monegaschi circolano in tutta la zona euro, e Montecarlo dispone di una quota annua nelle stesse condizioni concesse a tutti gli altri Paesi facenti parte del sistema euro. Il Museo dei Francobolli e delle Monete è un’ istituzione culturale che fornisce anche servizi commerciali.Tramite i suoi sportelli propone infatti i francobolli e le monete del Principato, nonché i prodotti parafilatelici come opere, smalti e foulards.

Leggi anche: A Montecarlo una stagione estiva oltre le aspettative e un autunno all’insegna della cultura

 

Elena Parmegiani

Moda & Style

Giornalista di moda e costume, organizzatrice di eventi e presentatrice. Consegue la Laurea Magistrale in Comunicazione Istituzionale e d’Impresa all’Università “La Sapienza” di Roma. Muove i primi passi lavorativi con gli eventi per il Ferrari Club Italia, associazione di possessori di vetture Ferrari. Da più di dieci anni è il Direttore Eventi della Coffee House del prestigioso museo Palazzo Colonna a Roma. Ha organizzato e condotto molte sfilate di moda per i più importanti stilisti italiani. Come consulente è specializzata nella realizzazione sia di eventi aziendali, sia privati. Scrive di moda, bon ton (con una sua rubrica), arte e spettacolo. Esperta conoscitrice dei grandi nomi della moda italiana, delle nuove tendenze del Fashion e del Made in Italy. Cura anche la rubrica di Velvet dedicata al Wedding.

Back to top button
Privacy