Dopo 80 anni, riapre a Roma il Mausoleo di Augusto

Dopo ottant’anni di silenzio, il Mausoleo di Augusto a Roma riapre al pubblico, grazie ad una collaborazione tra pubblico e privato che, nel 2017, aveva dato un’accelerata ai lavori di restauro. Questa operazione è stata possibile grazie ad un’ingente donazione della Fondazione Tim che si è aggiunta ad altri fondi stanziati dal Comune e dal Ministero dei Beni Culturali. Nonostante i lavori di restauro siano ancora in corso, dall’1 marzo 2021 sarà possibile accedere al sito archeologico previa prenotazione dal sito ufficiale.

In realtà, è già possibile prenotarsi. Fino al 21 aprile, Natale di Roma, gli ingressi saranno gratuiti. Una gratuità che continuerà per tutto il 2021 per tutti i residenti della capitale. Inoltre, in funzione dell’apertura del monumento, la sindaca Virginia Raggi ha annunciato anche l’intenzione di «spostare il capolinea degli autobus e di pedonalizzare la piazza».

LA STORIA

Di proprietà di Roma Capitale, il Mausoleo è sorto nel 28 a.C. come monumento funerario per Augusto e la sua famiglia. Con un diametro di quasi 90 metri ed un’altezza di 45 metri, il complesso può essere definito come il più grande sepolcro circolare del mondo antico. Tuttavia, il monumento che oggi ci si presenta dinnanzi, non è altro che il risultato delle sue molteplici vite che si sono susseguite nei secoli. Infatti, da luogo di sepoltura di Augusto, il monumento è stato trasformato a giardino dalla famiglia Soderini nel ‘500, poi in un Anfiteatro, fino a diventare nel ‘900 un Auditorium che ha ospitato alcuni grandi maestri della sinfonica, come Arturo Toscanini e Gustav Mahler per esempio.

 

INFORMAZIONI

Mausoleo di Augusto

Piazza Augusto Imperatore, Roma

Dal primo marzo 2021

Prenotazioni delle visite già aperte al sito https://www.mausoleodiaugusto.it/it/

Leggi anche: https://velvetmag.it/2020/11/22/il-giro-del-mondo-in-50-passi-lopera-darte-di-daniele-sigalot-a-malpensa/

Exit mobile version