Fedez e Michielin: le scuse, i fiori, la foto ironica. Pronti per Sanremo

Pericolo scampato: Fedez chiede scusa a modo suo, il duo è salvo

Niente che non si possa risolvere con un bel mazzo di fiori, più o meno. Sono finiti dritti sotto i riflettori della polemica del Festival, prima ancora che Sanremo iniziasse. Ma per Fedez e Francesca Michielin ora tutto sembra risolto: il piccolo spoiler della canzone lanciato per errore sui social, proprio da Fedez, è stato accettato come una svista senza malizia. La loro partecipazione alla kermesse non corre più rischi, e dopo aver sistemato le cose con l’Ariston, il rapper ha pensato di farsi perdonare anche dalla sua partner in crime.

Chiamami per nome – questo il titolo del brano con cui Fedez e Michielin concorreranno insieme a Sanremo 2021 – ormai è al sicuro. Tutto risolto dopo la gaffe del cantante che, per mostrare ai fan qualche innocente video delle prove, ha condiviso per errore alcuni secondi della canzone. Una svista che avrebbe potuto costare sia a lui che alla sua socia l’espulsione dalla gara: il regolamento di Sanremo è infatti rigidissimo in merito ai brani in gara, che devono essere obbligatoriamente inediti e originali. Ma alla fine Sanremo ha deciso di chiudere un occhio, probabilmente reputando lo spoiler davvero innocuo. Tuttavia è fuori discussione che Fedez e Michielin se la siano vista brutta; soprattutto lei, a dirla tutta, che ha assistito all’errore del collega senza partecipare.

Le scuse di Fedez a Francesca Michielin

Così, passata la bufera, Fedez ha pensato di farsi perdonare con un gesto galante e ironico, perfetto per la vetrina social, che di certo non gusta. Dopo lunghi giorni di silenzio stampa, spiegati dalla moglie Chiara Ferragni come una pausa dai social dovuta ad una brutta febbre – ma non al Covid -, eccolo tornare con una foto insieme alla Michielin. Lui con un enorme mazzo di fiori in mano, il sorriso di chi ha combinato la marachella e il pollice all’insù di chi comunque l’ha scampata. Lei serissima, con espressione imbronciata, come a dire: “Ti perdono, ma non farlo una seconda volta”. Nessun commento a corredo dello scatto, che però parla da sé e mette un punto definitivo alla questione, placando gli animi della polemica.

LEGGI ANCHE: Giradisco. Quando Lucio Dalla creò “Futura” di fronte al Muro di Berlino

Exit mobile version