Musica

Fabrizio De André e Ivano Fossati: quando due penne genovesi si incontrano

I due cantautori collaborarono per l'ultimo album di inediti di Faber

“Anime Salve” uscì il 19 settembre 1996. Questo album, per l’esattezza il tredicesimo di Fabrizio De André, si rivelò essere l’ultimo della sua carriera artistica. Il capolavoro del cantautore genovese venne realizzato insieme ad un altro artista ligure. Stiamo parlando di Ivano Fossati, compositore e cantante molto vicino alla cultura della Genova di allora, proprio come De André.

“Anime Salve” sancisce il loro sodalizio musicale: se Ivano Fossati si occupò quasi interamente della musica, le parole dei testi spettarono al collega concittadino. Questo album ebbe un successo straordinario sia per conto della critica musicale, sia per quanto riguarda i fan del cantautore. In breve tempo “Anime Salve” ottenne la certificazione di triplo disco di platino in Italia.

Una collaborazione straordinaria

L’album scritto a quattro mani dai due artisti genovesi ha segnato e continua a segnare intere generazioni. “Anime Salve” contiene nove tracce, due delle quali contengono un contributo vocale, e non solo musicale, di Ivano Fossati. L’autore genovese, che all’inizio della sua carriera voleva solo comporre musica senza cantare, ha rivelato infatti nel corso del tempo non solo delle doti musicali straordinarie, ma anche una voce indimenticabile.

La sua voce accompagna De André in Anime Salve e  cúmba: una combinazione poetica e dolce. Spesso si sente parlare di quest’album come se fosse il testamento musicale di De André. Non tanto perché fu l’ultimo pubblicato prima della sua morte, ma poiché rappresenta una sintesi spirituale perfetta dei temi trattati dal cantautore durante tutta la sua carriera artistica. In “Anime Salve” sono presenti figure come quelle di Rom, transessuali, amanti, pescatori. Durante un concerto tenutosi nel 1998 al Teatro Brancaccio di Roma De André definì il suo album un “discorso sulla libertà“. Il genio artistico di questo cantautore trovò aiuto nelle doti compositive di Ivano Fossati, che all’epoca aveva già lavorato per i migliori cantanti italiani dell’epoca.

 

LEGGI ANCHE: Mina e Ivano Fossati di nuovo in radio insieme: arriva il singolo “Ladro”

Back to top button
Privacy