Showbiz

William e Kate, 10 anni fa la fiaba: i 6 segreti di quel giorno che ci fanno ancora sognare

Conoscete tutti i segreti delle nozze di Kate Middleton con il principe William?

Era il 29 aprile del 2011 quando il principe William sposò la sua Kate Middleton. Un evento che, a distanza di 10 anni, fa ancora sognare il mondo ad occhi aperti. Ma in quel giorno da favola, così come anche nel corso dei dieci anni trascorsi insieme, ci sono stati tantissimi dettagli che hanno descritto il loro percorso come coppia. E mentre i Cambridge si preparano a festeggiare insieme ai tre figli il loro decimo anniversario, passiamo in rassegna le curiosità del giorno del loro matrimonio e della loro vita insieme.

I retroscena del fidanzamento approvato da papà Middleton

La prima curiosità sul matrimonio dei Cambridge riguarda il fidanzamento. Dopo la fatidica proposta, infatti, la coppia ha mantenuto il segreto per alcune settimane. Il principe William, infatti, voleva essere certo di fare le cose nel modo giusto! Proprio come vuole la tradizione, infatti, ha chiesto la mano di Kate Middleton al padre Michael e solo dopo le ha fatto la proposta in Kenya. In seguito ha dovuto aspettare a rendere pubblico l’annuncio in segno di rispetto per la morte del nonno di Kate. Dopo si è recato dalla regina Elisabetta e, in seguito alla sua approvazione, ha comunicato il lieto annuncio al padre e al fratello.

Le reazioni della Famiglia Reale al fidanzamento

Si dice che il principe Carlo e la moglie Camilla abbiano accolto la notizia del fidanzamento con gioia. D’altronde il principe Carlo pensava che i due “avessero giocato fin troppo a fare i fidanzati” anche se il matrimonio del primogenito lo “faceva sentire vecchio”. Perfino Camilla ammise di essere entusiasta e cercò di aiutare Kate Middleton ad organizzare le nozze nel migliore dei modi. La regina Elisabetta commentò la notizia con una battuta: “Ci hanno messo fin troppo tempo”, mentre il principe Harry ammise di essere contento dal momento che “aveva ottenuto la sorella che aveva sempre desiderato“.

L’omaggio a Lady Diana nelle promesse nuziali

Una curiosità che probabilmente in pochi conoscono riguarda le promesse nuziali scambiate da Kate e William il giorno del loro matrimonio. Nella scelta della formula da utilizzare, infatti, la giovane Kate Middleton ha scelto di omaggiare Lady Diana, eliminando la parola “obbedienza” dai voti. La coppia, infatti, si è scambiata soltanto la promessa reciproca di “amore e onore“.

Segreti dell’abito da sposa da 250mila sterline

Un capitolo a sé meriterebbe l’abito da sposa indossato da Kate Middleton, il cui valore è stimato di 250mila sterline. Si trattava di una creazione firmata da Sarah Burton per Alexander McQueen. Con il suo abito, che ancora oggi rientra tra i modelli preferiti dalle spose, Kate Middleton ha voluto inviare una serie di messaggi, ma più di ogni cosa ha celebrato la Famiglia Reale. Il corpetto, realizzato dalle sarte del Regno Unito, non aveva un motivo floreale qualsiasi. Il ricamo, infatti, riportava rosecardi e trifogli, simboli dell’Inghilterra, della Scozia e dell’Irlanda. Un dettaglio essenziale per trasmettere il messaggio più importante: non aveva sposato soltanto William, ma il Regno Unito.

Il bouquet dedicato al marito

Se il decoro dell’abito era un omaggio al Regno Unito, il bouquet tenuto in mano da Kate Middleton era dedicato al marito. Il fiore predominante nella composizione, infatti, era il garofano dei poeti, conosciuto anche come Sweet William. La creazione è stata affidata alla floral designer Shane Connolly.

Il segreto dell’uniforme indossata da William

Probabilmente nessuno ha fatto troppo caso all’abito indossato dal principe William per il suo matrimonio. Come tutti i membri della Famiglia Reale, ha deciso di sposarsi in alta uniforme. Per evitare di sudare (sia per il caldo che per l’emozione), però, lo sposo si è fatto confezionare un’uniforme particolare realizzata con un materiale traspirante.

LEGGI ANCHE: Europa League, la Roma all’Old Trafford: sfida al Manchester. Napoli, Spalletti per il dopo Gattuso?

Back to top button
Privacy