Esclusiva VelvetPrimo piano

Chanel Cruise 2022 va in scena l’omaggio a Jean Cocteau

La sfilata alla Carrières de Lumières omaggia i simbolismi cari a Coco Chanel

E’ già passato un anno dalla prima presentazione in digitale di Chanel a causa della pandemia. La Maison, anche per la collezione Chanel Cruise 2022, sceglie la Carrières de Lumières, già sede di mostre ed istallazioni artistiche, per presentare le creazioni in digitale anzichè con la classica sfilata dal vivo. Questa soluzione potrebbe essere l’ultima viste le possibilità di poter tornare presto ad organizzare i fashion week tradizionali nei prossimi mesi. La narrativa stilistica messa in luce da Virginie Vard, Direttore Creativo della Maison, è il dialogo tra Gabrielle Chanel, famosa stilista e Jean Cocteau, leggendario poeta e drammaturgo, avvenuto in un’epoca di cambiamenti a cui loro stessi hanno contribuito profondamente.

La sfilata Cruise 2022 di Chanel, alle Carrières de Lumières

Virginie Viard nella collezione Cruise 2022 di Chanel è tornata a immergersi negli archivi della maison, portando alla luce le influenze di Cocteau nell’immaginario di Coco Chanel, e viceversa. Alla presentazione in digitale hanno avuto la possibilità di assistere solo Charlotte Casiraghi, accompagnata dalla madre, la principessa Carolina di Monaco, Vanessa Paradis, Alma Jodorowsky e Caroline de Maigret.
La semplicità, la precisione e la poesia del film di Jean Cocteau mi hanno fatto venire voglia di creare una collezione molto pulita, con una bicolore molto distinta, fatta di bianco brillante e nero profondo” ha raccontato la direttrice creativa Virginie Viard, citando il lavoro dell’artista come fonte d’ispirazione di partenza per la cruise 2022. Una scena in particolare: un uomo con la testa di un cavallo nero scende proprio nelle Carrières de Lumières, la sua figura si staglia contro le pareti bianchissime. Il film è Il testamento di Orfeo. “Facendo eco all’estrema modernità del film di Cocteau, volevo qualcosa di molto rock. Tante frange, in pelle, perline e paillettes, t-shirt con il volto della modella Lola Nicon come una rock star, indossate con abiti di tweed bordati da ampie trecce, e Mary-Jane d’argento a punta. Un look che richiama tanto la modernità degli anni sessanta quanto quella del punk”, commenta la Viard.

La performance post sfilata Chanel Cruise 2022

Subito dopo il défilé si è svolto lo spettacolo del musicista Sébastien Tellier, accompagnato da Vanessa ParadisCharlotte CasiraghiJuliette Armanet e Angèle. A pochi giorni dello show il brand ha pubblicato un trailer con alcune foto della modella Lola Nicon all’interno dell’appartamento di Gabrielle Chanel al 31 di rue Cambon, a Parigi. Con un’aria un po’ punk, Lola interpreta la versione definitiva della donna Chanel di Virginie Viard, che si discosta dalla tradizione nell’atteggiamento, ma non nello stile. La modella, sdraiata su un divano in camoscio beige, era al centro del decoro barocco immaginato da Coco Chanel. All’epoca dell’amicizia con Jean Cocteau, Coco Chanel viveva ancora all’angolo di Faubourg St Honoré. I due condividevano un’ambizione sfranata e il desiderio di trascorrere la propria vita tra gli artisti più influenti del tempo. 

Ogni collezione crociera di Chanel che si rispecchi prende spunto da un luogo o da un personaggio caro alla vita di Coco

Questa volta Virginie Vard si è lasciata suggestionare da Jean Cocteau. Nella collezione Cruise 2022 compaiono minigonne sfrangiate indossate con calze a rete nere o a stivaletti bianchi alla caviglia. Ma anche t-shirt stampate, frange di pelle, vestiti con le iconiche C intrecciate, top micro indossati sulle maglie a maniche lunghe. Si gioca molto con i contrasti e si punta quasi unicamente su due colori: da una parte il bianco luminoso, dall’altra il nero intenso.

Il risultato portato in scena è dato da una collezione Chanel Cruise 2022 metà-punk, metà-chic, concepita da Viard, seguendo le passioni di Chanel e Cocteau

Tra queste: le carte dei tarocchi, l’astrologia, il simbolismo appena velato e la bellezza dei corpi. Per la sera la proposta si compone di abiti ricoperti di piume di marabù indossati sempre con collant a rete, che possiedono il brio discreto e l’aristocratica irriverenza che spesso si associa a Chanel. Dopo la pandemia, che ha costretto gli stilisti a passare al digitale, Chanel ha in programma di ospitare una sfilata con un pubblico durante la settimana della moda parigina a luglio. 

LEGGI ANCHE: Saint Laurent: la sfilata Inverno 2021 tra i ghiacciai al confine del mondo 

 

 

 

 

Elena Parmegiani

Moda & Style

Giornalista di moda e costume, organizzatrice di eventi e presentatrice. Consegue la Laurea Magistrale in Comunicazione Istituzionale e d’Impresa all’Università “La Sapienza” di Roma. Muove i primi passi lavorativi con gli eventi per il Ferrari Club Italia, associazione di possessori di vetture Ferrari. Da più di dieci anni è il Direttore Eventi della Coffee House del prestigioso museo Palazzo Colonna a Roma. Ha organizzato e condotto molte sfilate di moda per i più importanti stilisti italiani. Come consulente è specializzata nella realizzazione sia di eventi aziendali, sia privati. Scrive di moda, bon ton (con una sua rubrica), arte e spettacolo. Esperta conoscitrice dei grandi nomi della moda italiana, delle nuove tendenze del Fashion e del Made in Italy. Cura anche la rubrica di Velvet dedicata al Wedding.

Back to top button
Privacy